IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La bandiera della pace il 4 Novembre a Loano, Tognolo (PSI): “Cepollina esprime concetti ideologici pericolosi”

Il segretario del Psi di Loano replica al consigliere di Forza Italia

Loano. Non si è fatta attendere la risposta delle forze di “sinistra” alla polemica innescata dal consigliere comunale di maggioranza di Forza Italia Giovanni Battista Cepollina, che in occasione della cerimonia del per il IV Novembre tenutasi l’altra mattina davanti al monumento ai caduti sulla passeggiata a mare aveva attaccato i “rossi” per aver esibito la bandiera della pace in occasione della festa dell’unità nazionale e delle forze armate.

“A differenza dell’anno scorso, quando non si erano presentato, stavolta i rappresentanti della sinistra c’erano – ha detto Cepollina – Ma si sono presentati con la bandiera della pace. A mio giudizio (e non solo) è sembrata una presa in giro e provocazione nei confronti dei caduti e dei rappresentanti delle forze armate e delle associazioni d’arma nel giorno della loro festa. La direzione didattica e le maestre delle scuole, sempre pronte a ‘istruire’ i bambini sul 25 Aprile e ‘sull’Italia liberata dai partigiani’ e (non dalle truppe alleate) non hanno portato neanche una scolaresca alla cerimonia. Questo nonostante le scuole fossero aperte”.

Oggi uno degli esponenti della sinistra tirati in ballo da Cepollina hanno voluto replicare: “Non è la prima volta che un rappresentante della maggioranza del consiglio comunale di Loano esprime concetti ideologici pericolosi – dice il segretario della sezione di Loano del Psi Lucio Tognolo – Ricordo che le leggi italiane considerano un reato l’apologia di fascismo e che le nazioni  democratiche di tutto il mondo lo confermano. Che qualcuni paragoni le forze di sinistra (politicamente parlando) al fascismo dicendo apertamente che ‘Se sono vietati i simboli fascisti anche questi (simboli della sinistra) dovrebbero essere vietati’ è una cosa assai grave. Soprattutto, ripeto, se questo concetto viene espresso da un rappresentante politico”.

E poi, rivolto al sindaco Luigi Pignocca: “Sarebbe opportuno e auspicabile che il massimo rappresentante dell’attuale ‘governo’ loanese si esprimesse in merito. Specie perché Cepollina fa riferimento alle scolaresche e vengono criticati i metodi di insegnamento”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.