IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Documento storico a Savona: cristiani, musulmani e ebrei uniti per la pace fotogallery

In una nota congiunta le guide spirituali delle cinque principali confessioni savonesi (cattolici, musulmani, ebrei, ortodossi e valdesi) condannato l'attentato di Parigi e lanciano un appello alla fratellanza

Savona. Un documento congiunto, condiviso e sottoscritto, per la prima volta, da tutti i rappresentanti delle principali comunità religiose presenti a Savona. Un messaggio di ferma condanna dei tragici fatti accaduti a Parigi, ma soprattutto un appello alla fratellanza tra le fedi. E’ quello diramato stamattina dal parroco della Chiesa Ortodossa Rumena Giorgio Andronic, dal presidente del consiglio della Chiesa Valdese Metodista Franco Becchino, dal vescovo di Savona Vittorio Lupi, dal rabbino capo delle comunità ebraiche liguri Giuseppe Momigliano e dal presidente della comunità islamica ligure Zahoor Zargar.

“Come rappresentanti delle principali comunità religiose presenti a Savona – scrivono i cinque leader religiosi – ci sentiamo in dovere di dare un segnale forte e condiviso alla luce dei gravissimi e inaccettabili fatti verificatisi l’altro ieri sera a Parigi. Innanzitutto manifestiamo la nostra piena solidarietà a tutto il popolo francese per questo vile attacco e siamo vicini, con l’affetto e la preghiera, alle famiglie delle persone uccise e ferite”.

“In secondo luogo – proseguono – accomunati e non divisi dalla nostra fede, esprimiamo la più ferma condanna verso questi deprecabili e inumani atti di terrore. Chi uccide si macchia di un peccato gravissimo, chi per giunta sostiene di farlo ‘in nome di Dio’, a Parigi come in Siria, in Europa come in Africa, in Occidente come in Medio Oriente, a qualsiasi credo appartenga, commette una bestemmia atroce che non conosce giustificazione alcuna“.

“Le radici della nostra fede comune sono basate sull’amore e sulla dignità dell’uomo – concludono – di ogni uomo a prescindere dal sesso, dall’etnia, dalla nazionalità o da quello in cui crede o non crede, e non sull’odio e sulla violenza. Questo è il significato della nostra comune testimonianza che abbiamo voluto condividere in un momento così tragico. Un forte messaggio a tutti, credenti e non, di totale condanna per i gravi fatti di Parigi, ma soprattutto un forte messaggio di amore e di pace”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Bandito
    Scritto da Bandito

    Evviva, come sono contento, i musulmani che dichiarano la fratellanza tra le fedi.
    Ma cosa siamo, dei deficenti?
    Una simile dichiarazione per loro è peccato mortale, viene fatta solo in ossequio al precetto che gli impone di mentire agli infedeli per i loro scopi.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.