Chirurgia del ginocchio: Gsl prima realtà in Liguria e ottava in Italia - IVG.it
Numeri positivi

Chirurgia del ginocchio: Gsl prima realtà in Liguria e ottava in Italia

Il Direttore Sanitario Paolo Orlando ha tracciato gli obiettivi della struttura per il nuovo anno

GSL Albenga

Albenga. A margine del convegno di formazione organizzato da Gsl – Gruppo Sanitario Ligure – all’ospedale Santa Maria di Misericordia ad Albenga, il direttore sanitario Paolo Orlando ha tracciato gli obiettivi della struttura per il nuovo anno: “La mission di Gsl persegue un nome unico, qualità. Questo obiettivo resta per noi primario rispetto a qualsiasi parametro. Gsl vuole arrivare a essere l’ospedale senza dolore prendendosi cura del paziente andando oltre il tradizionale concetto della presa in cura del malato”.

“Il percorso avviato va nella giusta direzione e i recenti dati pubblicati da Agenas – Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari – impreziosiscono il nostro operato” ha proseguito Orlando aggiungendo che “Gsl oggi è la prima realtà in Liguria e ottava in Italia per risultati ottenuti sulla chirurgia del ginocchio”.

“Abbiamo grandi margini di crescita e possiamo raggiungere il podio nazionale garantendo a Gsl e al territorio del Ponente non solo un presidio medico d’alto livello, ma anche un volano per il comparto turistico della Riviera arricchendo gli attuali numeri con nuove presenze provenienti dal Nord Ovest, ma anche dal Sud Italia. Tuttavia per una crescita collettiva, che può riguardare l’intero territorio, servono condivisione generale, investimenti, nuove assunzioni che possiamo attuare soltanto con il pieno convincimento verso la nostra attività” osserva il direttore sanitario.

“Per raggiungere questi risultati Gsl non chiede maggiori risorse, ma soltanto la conferma degli impegni già sottoscritti e finalizzati a rendere la nostra realtà un vero centro d’attrazione verso l’esterno” ha concluso Paolo Orlando.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.