IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Attentato di Parigi, polizia internazionale cerca una Seat nera

A bordo c'erano tre persone. La targa (incompleta) è GUT 18053

Più informazioni su

Liguria. Attraverso una nota il servizio di cooperazione internazionale di polizia ha segnalato agli uffici italiani che un’auto, forse collegata agli attentatori che venerdì sera hanno colpito a Parigi, potrebbe essere entrata in Italia da Ventimiglia.

“Si prega di voler ricercare – questo il testo – una autovettura Seat modello sconosciuto di colore nero, targa GUT 18053 con probabile ingresso a Ventimiglia. Possibile collegamento con gli attentati in Francia”. La nota sarebbe stata inviata nella mattinata di sabato. Al momento, comunque, non c’è in ogni caso alcuna certezza che l’auto sia effettivamente entrata in Italia.

La Seat è stata segnalata a tutte le polizie dei paesi confinanti con la Francia: in un documento del centro di cooperazione di polizia della dogana di Hendaye, al confine tra la Francia e la Spagna si segnala alle autorità spagnole la necessità di ricercare “un veicolo sospetto che è stato visto nel circondario vicino ai luoghi dove sono stati commessi gli attentati di Parigi”. Si tratta appunto della Seat.

Nel documento si segnala inoltre che a bordo dell’auto c’erano tre persone e che la targa è incompleta. Le ricerche sono estese a tutte le regioni del nord Italia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.