IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, proteste per il dehors-serra di Re Carciofo: “Troppo grande e non adatto alla piazza”

Lorenza Giudice (Ascom): "Le dimensioni delle strutture esterne devono essere proporzionate a quelle degli spazi interni"

Albenga. La forma, simile a quella di una serra. Ma anche e soprattutto le dimensioni, giudicate eccessive specialmente in rapporto alla posizione, cioè una piazza nel cuore del centro storico di Albenga. Ha fatto storcere più di un naso il nuovo dehors, in via di costruzione, della “Cantina di Re Carciofo”, la “norcinoteca” di piazza San Francesco ad Albenga.

Alcuni dei residenti della zona, ma anche parte dei commercianti, sostengono che le dimensioni dello spazio esterno siano sproporzionate rispetto a quelle della piazza e che potrebbero perfino esserci al traffico pedonale (specie per la presenza di alcune piante di grandezza considerevole). Ma a non convincere è anche l’aspetto della struttura, giudicata “stonata” rispetto alla conformazione di quel punto del centro storico ingauno.

Di fronte al nuovo dehors, quindi, in tanti si domandano se questo rispetti tutte le prescrizioni imposte dal regolamento del Comune per l’occupazione del suolo pubblico. “Vista così la struttura è ben poco ‘leggera’ ed, anzi, sembra molto ingombrante – osserva la presidente di Ascom Lorenza Giudice – Ma questo è dovuto al fatto che è collocata in una piazza vuota. La normativa riguardante l’allestimento di questi spazi è molto rigida e in passato il Comune ha avanzato osservazioni per dehor di dimesioni più contenute, quindi è difficile pensare che possa essere difforme rispetto al regolamento. Dagli altri commercianti non ci sono giunte segnalazioni in merito, ma nei prossimi giorni effettueremo le verifiche del caso. Specialmente dal punto di vista estetico”.

Per Lorenza Giudice, comunque, è necessario puntare il focus su un aspetto ben particolare: “Nei giorni scorsi Confcommercio ha incontrato l’amministrazione comunale per discutere il regolamento che riguarda l’attività di parrucchieri ed estetisti. In quella sede abbiamo chiesto anche di mettere mano al regolamento per l’occupazione del suolo pubblico da parte di strutture quali i dehors”.

Lorenza Giudice

Il problema, ovviamente, riguarda prima di tutto il centro storico: “In centro – conferma la presidente di Ascom – ci sono alcune situazioni che vanno messe a posto assolutamente. Il Comune si è detto disponibile a recepire le nostre richieste, ma in modo molto graduale. Questo è legittimo: strutture di questo genere, infatti, hanno costi assai rilevanti e aggiornarle in base alle ultime normative potrebbe comportare investimenti non indifferenti”.

La questione non è soltanto estetica: “Per poter avere una reale crescita qualitativa occorre che le strutture esterne siano proporzionate a quelle esterne. Non è accettabile che un pubblico esercizio che occupa un locale commerciale di nove metri quadri abbia un dehors di duecento metri quadri. Le dimensioni delle strutture che si trovano su suolo pubblico devono essere adeguate a quelle degli spazi interni. Si tratta di una questione di giustizia nei confronti di quanti hanno sviluppato la loro attività adeguandola di volta in volta alle normative. Non è corretto che chi è arrivato dopo la ‘riforma’ regionale in materia ne tragga vantaggi. Anche perché i costi di gestione vanno ovviamente a favore di chi ha spazi sproporzionati tra interno ed esterno. Altrimenti tanto vale abbandonare l’idea di avere un centro storico fatto di ‘botteghe storiche’ e optare per lo street food”.

La richiesta di “riforma” da parte di Ascom è già partita e nei prossimi giorni i rappresentanti delle categorie incontreranno i rappresentanti dell’amministrazione di Giorgio Cangiano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da hadrianus

    Francamente non capisco cosa c’entra la moschea con una SERRA
    ( ripeto una SERRA !) in una piazzetta del centro storico.
    La fantasia del progettista ( e di chi ha dato il consenso )è roba da asilo infantile, perché ci sono altre forme e altri materiali ( p.es. il legno )molto più più consoni al luogo senza per questo nulla togliere alla iniziativa del gestore.
    Se in questo modo vogliamo valorizzare ” il centro storico ”
    tanto vale insediarvi anche una azienda agricola, almeno i consumatori avranno merce a ” costo zero ” come si usa dire oggi.

  2. pinco
    Scritto da pinco

    A PRESCINDERE DALLE DICHIARAZIONI DI CHI FA IL PROPRIO MESTOERE DI LOBBY, l’estetica conta eccome! E cosa dev econtar e in un centro storico bello come quello ingauno?… E tra i parametri dell’estetica in questo caso intervengono imprescindibili aspetti legati a: dimensiuoni di questa serra rapportate a quelle della piazzetta, i materiali inutilizzati inadeguati di questa struttura poco adatte (profili metallici color antracite di tipo poco integrabile con il contesto architettonico), le tipologie costruttive simili a quell appunto adf una “serra”. Dato che stiamo parlando di COSA PUBBLICA, il suolo e il soprassuolo, sarebbe il caso che si rivedesse l’autorizzazione. ( Ma chi l’ha data?)

  3. Scritto da matteo83

    Un’idea bella e diversa dai soliti dehor tutti uguali.Poi tanto quando si fa qualcosa di nuovo si critica sempre e nn si apprezza mai.Tanto vale lasciar la moschea,che è tipica della cultura italiana …..così si volorizza un po il centro storico.

    1. Scritto da matteo83

      *valorizza

  4. Scritto da hadrianus

    UNA SERRA NEL CENTRO STORICO ! MA CHI HA DATO QUESTO PERMESSO ? SIAMO AL RIDICOLO.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.