Ad Albenga nasce il laboratorio "Sam-Lab" per la ricerca nel settore agricolo - IVG.it
Innovazione

Ad Albenga nasce il laboratorio “Sam-Lab” per la ricerca nel settore agricolo

Verrà costruita una serra dimostrativa di circa 150 metri quadrati che sarà dotata di dispositivi in grado di migliorare radicalmente la sostenibilità delle colture

Cersaa

Albenga. Un laboratorio di ricerca per la sperimentazione di metodologie e tecnologie innovative per il monitoraggio, il controllo e l’aumento dell’efficienza energetica nei processi agro-manifatturieri nelle colture.

E’ quanto prevede il progetto “Sam-Lab”, ovvero Smart Agro-Manifacturing Laboratory, finanziato dalla Regione Liguria e che vede come soggetto attuatore il CeRSAA di Albenga, il polo agrotecnico della Camera di Commercio di Savona.

Un’iniziativa che si sta sviluppando attraverso la costruzione di una serra dimostrativa di circa 150 metri quadrati che sarà dotata di dispositivi in grado di migliorare radicalmente la sostenibilità delle colture in area protetta, quali una pompa di calore geotermica per consentire una riduzione delle emissioni di anidrife carbonica; materiali di rivestimento innovativi per una maggiore coibentazione della serra ed una minore dispersione del calore; lampade a LED a basso consumo per il miglioramento della produttività vegetale; pannelli fotovoltaici; sensori low cost volti a monitorare, anche in questo caso, le caratteristiche fisiche del terreno e dell’ambiente.

All’interno dell’impianto sarà inoltre possibile sperimentare processi quali la disinfestazione del terreno, la climatizzazione della serra e alcuni processi manifatturieri, quali una piccola linea di confezionamento delle colture prodotte. I risultati ottenuti saranno divulgati e oggetto di uno specifico piano di marketing.

Nello sviluppo del progetto, che richiederà due anni di lavoro, sono coinvolti, con il CeRSAA, l’Università di Genova con il Dipartimento di Informatica, Bioingegneria, Robotica e Ingegneria dei Sistemi (DIBRIS), la Business Development Consultancy srl, la società di ingegneria Erde, la Agras Energia e la SAIE Pluriservizi di Cairo Montenotte, quattro aziende che fanno parte del polo per l’Energia Sostenibile costituito presso il Campus universitario di Savona.

L’obiettivo generale è quello di migliorare le conoscenze delle metodologie e tecnologie proprie delle piccole e medie imprese che operano in settori agro-manifatturieri al fine di permettere il miglioramento dell’efficienza energetica dei processi produttivi, diminuendo le emissioni, in un corretto rappoerto tra costi e benefici.

In particolare l’attività è rivolta a sviluppare sistemi geotermici e procedimenti costruttivi innovativi consentendo ai soggetti partner e in prima battuta alle piccole e medie imprese del polo per l’Energia Sostenibile di assumere un ruolo significativo sul mercato dell’edilizia specialistica e dei settori collegati, quali coibentazione, climatizzazione, illuminazione, controllo climatico e automazione dei processi produttivi, con un risultato stimato di incremento del volume d’affari del 10% circa, ampliando il numero dei propri collaboratori diretti e dell’indotto (fornitori quali geologi, termotecnici, coltivatori, ecc).

leggi anche
Cersaa
Progetto
Albenga: si inaugura Sam-Lab, la prima serra dedicata all’agricoltura di precisione

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.