Per Delrio il raddoppio Fs non è prioritario, insorgono Berrino e i sindaci - IVG.it
L'intervento

Per Delrio il raddoppio Fs non è prioritario, insorgono Berrino e i sindaci

Primi cittadini sulle barricate contro le affermazioni del ministro delle Infrastrutture

Imperia. E’ qualcosa di più che una provocazione che i sindaci del ponente e l’assessore regionale ai Trasporti fanno fatica a digerire. Il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio ha detto chiaramente che il raddoppio Fs nel ponente ligure non è tra le priorità del Governo.

“Non so se è una presa in giro per la Liguria o per il Governo dire queste cose, ma questa sparata è assurda e incomprensibile – sottolinea Gianni Berrino, assessore regionale ai Trasporti – Probabilmente non hanno presente la cartina geografica dell’Europa. Questa linea ferroviaria è invece prioritaria perché collega il Portogallo, la Spagna e la Francia alla Liguria e quindi al Nord Italia”.

Berrino ha lanciato anche una promessa: “Continueremo a combattere, perché penso si tratti si tratti di una battaglia che non riguarda solo noi liguri ma tutta l’Italia”. Ma anche i sindaci tra questi quello di Diano Marina Giacomo Chiappori, di Alassio Enzo Canepa e di Ceriale Ennio Fazio salgono sulle barricate e chiedono un intervento deciso e tempestivo da parte della Regione e in particolare del Governatore Giovanni Toti.

Proprio Ennio Fazio ha deciso di invitare Delrio in Riviera nei fine settimana oltre che in estate o durante le feste. “Solo così si potrà rendere conto di persona se un raddoppio ferroviario qui non sarebbe necessario. Credo proprio che cambierebbe idea. L’affermazione del ministro è inconcepibile perché lo sappiamo bene: tutta la Liguria in fatto di infrastrutture è ferma a 50 o 60 anni fa ed abbiamo bisogno di questo raddoppio”.

Opinione condivisa anche dal sindaco di Alassio Enzo Canepa. Nella Baia del Sole la linea passa nel centro cittadino con due passaggi a livello, a ponente e a levante.  “Sarebbe un errore che non si potrebbe perdonare non raddoppiare la ferrovia a ponente. La nostra regione ha bisogno di altre vie di comunicazione per evitare gli intasamenti in autostrada nei fine settimana”.  E Giovanni Gandolfo, da tre anni sindaco di Borghetto Santo Spirito, invoca un deciso intervento da parte dell’Anci:”Noi siamo piuttosto deboli sotto il profilo della rappresentatività. Dovremmo essere rappresentati. Ecco perché l’Anci, l’associazione nazionale dei comuni italiani, deve farsi carico di questo problema”.

Nel frattempo continuano i lavori di allestimento dei binari tra Andora e San Lorenzo al Mare. Ieri è stato sperimentato il primo passaggio di un treno-test lungo il nuovo tracciato in prossimità di Imperia. Un assaggio di quello che sarà la linea ferroviaria raddoppiata che salvo imprevisti sarà operativa dal prossimo anno.

leggi anche
raddoppio andora
L'intervento
Raddoppio Fs Andora-San Lorenzo, iniziata la posa dei binari
Edoardo Rixi
Futuro
Raddoppio ferroviario, Rixi: “Binario unico e qualità dei treni penalizzano il turismo”
firma
Linea xxmiglia-genova
Raddoppio Fs San Lorenzo e Andora, Gentile (Rfi) “Opera finita quest’anno”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.