Indagine

Anziana investita e uccisa ad Albenga, disposta autopsia: continua la caccia all’auto pirata

La vittima è stata investita in via Vittorio Veneto e l'automobilista è scappato subito dopo

Albenga. E’ stata disposta l’autopsia sul corpo dell’anziana di 94 anni, Maria Pillot, deceduta dopo essere stata investita da un’auto pirata in via Vittorio Veneto ad Albenga. La donna era deceduta sabato mattina all’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure, dove era ricoverata in gravissime condizioni nel reparto di Rianimazione. Per l’anziana fatale il grave trauma alla testa subito a seguito della caduta a terra provocata dall’urto con la vettura, che stava facendo una manovra in retromarcia.

Questa mattina il pm di turno della Procura di Savona, Elisa Loris, ha disposto l’esame autoptico sul corpo dell’anziana nell’ambito dell’indagine aperta sull’investimento mortale. Per domani è previsto il conferimento dell’incarico: la salma si trova all’obitorio del nosocomio pietrese, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che vuole fugare ogni dubbio sulle cause del decesso. Il conducente dell’auto dovrà rispondere delle accuse di omicidio colposo, omissione di soccorso e fuga.

E proprio sul fronte della caccia all’uomo, il cerchio sull’automobilista si starebbe stringendo: la polizia stradale avrebbe raccolto elementi molto importanti per la sua identificazione, in particolare dalle immagini delle telecamere del sistema di videosorveglianza. Decisivo sarebbe un fotogramma ripreso davanti alla stazione ferroviaria, con l’unico testimone dell’investimento che ha parlato di una vettura di colore grigio chiaro.

leggi anche
polizia stradale polstrada
Tragedia in strada
Non ce l’ha fatta l’anziana investita ad Albenga: si stringe il cerchio intorno all’auto pirata
Croce Bianca Albenga
Pirata
Albenga, investe anziana e scappa: caccia ad auto pirata
Stradale
Trovato
Anziana investita e uccisa ad Albenga: rintracciato il presunto “pirata della strada”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.