IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regione, il M5S presenta un report sulle scuole. De Ferrari: “Situazione drammatica ma fondi dirottati sulle private” fotogallery

Regione. “Ieri mattina ho portato all’attenzione della giunta regionale la drammatica situazione dell’edilizia scolastica ligure e italiana. Muri che crollano, soffitti che cadono a pezzi, scuole che ogni giorno vengono dichiarate inagibili o pericolanti. Il tutto senza che le istituzioni abbiano sin qui messo in atto azioni concrete – se non a parole – per mettere in sicurezza insegnanti, alunni e operatori scolastici. Anzi, dirottando alle scuole private o paritarie risorse che sarebbero da destinare, oggi più che mai, a una scuola pubblica in grave sofferenza”.

Così Marco De Ferrari, consigliere regionale MoVimento 5 Stelle Regione Liguria, che ieri mattina ha presentato all’assessore all’edilizia Marco Scajola un report sullo stato degli edifici scolastici liguri: “Il risultato è stata una drammatica sequenza di crolli e cedimenti strutturali che si possono riassumere in 4 date. Il 9 giugno è avvenuto il crollo del controsoffitto di una sala mensa in una scuola media di Bolzaneto, a Genova; il 26 giugno è collassata la parete di una palestra a Laigueglia; il 17 luglio è stato dichiarato inagibile per rischio crolli il liceo De Amicis di Imperia; il 24 agosto è crollato il controsoffitto in una scuola materna di Riccò del Golfo, Spezia”.

“Cronaca di un’ordinaria estate di degrado (e per fortuna senza vittime) da cui nessuna provincia si è salvata. Per questo ho presentato in aula un’interrogazione sulle condizioni fatiscenti dell’edilizia scolastica pubblica regionale e sulle motivazioni per le quali i fondi pubblici vengono regolarmente vincolati sulle scuole private”.

“Ancora una data: 24 febbraio 2014 – ha esordito Marco De Ferrari – il genio della #buonascuola, quello di Firenze, aveva promesso: ‘girerò una scuola a settimana’. Chi l’ha visto? Qualcuno l’ha mai visto?’. In compenso, il ministero dell’Istruzione, regioni e comuni hanno imposto pesanti tagli annui alle scuole pubbliche e, nello stesso periodo, a fronte di mancati investimenti, sono stati girati quasi 700 milioni a quelle private. La giunta Toti, dal canto suo, si è subito allineata a Roma. E, invece di investire sulla scuola pubblica, come primo provvedimento del proprio governo ha destinato 6 milioni di euro alle scuole private. Il motivo lo ha spiegato l’assessore all’Edilizia Marco Scajola, in risposta alla mia interrogazione”

“Scajola ha detto: ‘Noi non facciamo differenze tra una scuola e l’altra. Per noi sono tutte uguali’. Ma se, per loro, questo vuol dire tenerle sullo stesso piano, vien da parafrasare la celebre massima del George Orwell della Fattoria degli animali: ‘Tutte le scuole sono uguali, ma alcune sono più uguali di altre'”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.