IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Parla don Angelo Chizzolini: “Caso montato ad arte per fare pubblicità alle mie spalle”

Il prete: "Faccio appello al buon senso e all'intelligenza già dimostratomi di molti di non fraintendere le mie parole"

Onzo.  “Dopo il tam tam degli articoli usciti ieri e oggi su molti giornali e social newtork, articoli imprecisi e di basso taglio professionale, il mio caso è stato montato ad arte per creare pubblicità alle spalle del sottoscritto”. Lo dice don Angelo Chizzolini, parroco di Onzo, piccolo paese della Valle Arroscia sulle alture di Albenga.

“Con ciò in via ufficiale ribadisco quanto segue: come cittadino italiano se avessi una casa di proprietà non la darei a degli extracomunitari, ma semmai a degli italiani bisognosi, in secondo luogo come prete sono d’accordo con l’accoglienza se, e ripeto solo se, ci sono le condizioni per accogliere – prosegue il sacerdote –  Dal canto suo la parrocchia e nel particolare la canonica di Onzo è già in uso di una persona bisognosa, al suo interno vi è anche la cappella invernale, i locali del catechismo e delle prove di canto, sotto c’è una stanza data ad esempio in uso alla proloco per qualche manifestazione e a disposizione della comunità e un garage dato alla protezione civile, il tutto in via gratuita per il bene del paese”.

Lo stesso parroco precisa anche che: “In terzo luogo dichiaro di non aver mai detto a nessuno: “do fuoco alla canonica piuttosto di darla ai migranti” bensì se la casa è mia ne faccio quel che voglio, ma poichè la canonica non è di mia proprietà, ma della parrocchia in quanto responsabile ne dispongo, come  cittadino italiano, cristiano e prete, per aiutare un italiano bisognoso – e precisa anche che – Inoltre i fedeli oltre a non essere pronti a far fronte ad un eventuale arrivo di migranti, non vedono di buon occhio tale situazione. Faccio appello al buon senso e all’intelligenza già dimostratami da molti di non fraintendere le mie parole o di manipolarle e a coloro che vogliono i migranti di aprir loro le porte delle proprie abitazioni”, conclude don Angelo Chizzolini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da briant88

    Siamo ormai abituati ad assistere al penoso rito della smentita , diventato lo strumento preferito con il quale il mondo marcescente della politica abitualmente comunica. Il clero non può , non deve adottare le stesse cattive abitudini. Sul caso urge fare assoluta chiarezza da parte della Curia senza badare alla facciata che sempre più frequenti episodi , diciamo imbarazzanti , ha reso ormai trasparente. Per il bene della Chiesa è giunto il momento di prendere decisioni coraggiose.

  2. Carlo M.
    Scritto da Carlo M.

    Penso che prendersala con Don Chizzolini sia semplicemente vergognoso. Tutti a fare la gara ad ospitare per qualche settimana ma questa gente rimarra anni e chiedera sanità, assisitenza sociale, lavoro, scuole. Siete disposti? Ma non a parole….Se al pronto soccorso deoveta aspettare 5 ore invece di 3 perchè gli immigrati vanno tutti là per favore almeno poi non lamentatevi…Grazie

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.