IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incidente mortale sull’A10, l’addio a Lara Janne a Ventimiglia

Il funerale celebrato nella città di confine dove l'agente della Publikompass aveva frequentato il liceo Aprosio

Ventimiglia. Sarà celebrato a Ventimiglia domani o al massimo giovedì dove abitano la madre e i nonni il funerale di Lara Janne, morta a 37 anni in un incidente stradale avvenuto domenica all’alba all’altezza del casello autostradale di Imperia Ovest.

Nella camera mortuaria del cimitero di Oneglia, dove da domenica sera familiari e amici si sono riuniti per dare un mesto saluto alla giovane, agente pubblicitario alla Publikompass che si era di recente trasferita a Ventimiglia da Albenga, si è svolto il triste rito del riconoscimento, affidato allo zio e al pr albenganese Mauro Vicari, promoter delle discoteche che ha condiviso con lei anni belli della sua vita. Per oggi alle 9 è stata disposta dal pm Marco Zocco l’autopsia, come è prammatica in questi casi: ne è stato incaricato il dottor Andrea Leoncini, dell’istituto di medicina legale genovese.

A Imperia è arrivato anche il papà di Lara, il compositore e cantante Italo Janne, che viene da Venezia e che era accompagnato da un suo collaboratore storico, l’autore ponentino Franco Fasano.

Per lo schianto sul viadotto Prino dell’Autofiori che è costato la vita a una donna solare, benvoluta da tutti, è ora sotto indagine il conducente dell’Alfa Mito che è andato a sbattere contro il guard rail subito dopo essersi immesso nel traffico dal casello di Imperia Ovest. In base agli accertamenti compiuti dalla Polizia stradale di Imperia, il tasso alcolemico del ventiseienne milanese era di 1,56 grammi per litro, quindi ben al di sopra del limite consentito che è di 0,5. Risulta indagato per omicidio colposo e per guida in stato di ebbrezza. L’altro occupante del mezzo, un milanese di 27 anni che si trovava sul sedile posteriore accanto a Lara, è stato ricoverato all’ospedale di Santa Corona per un trauma cranico.

La vittima aveva frequentato il Liceo classico Aprosio a Ventimiglia, quindi la facoltà di Psicologia all’università di Torino. Era molto conosciuta nell’Imperiese e nell’Albenganese (ma anche a Genova dove aveva lavorato come agente pubblicitaria), dove era spesso protagonista di serate in discoteca, come testimoniano le sue foto sul profilo Facebook.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Roy

    RIP e condoglianze alla famiglia e al compagno.
    Purtroppo questi incidenti sono all’ordine del giorno, e’ quasi inutile scrivere che il conducente era ubriaco o drogato o non ha prestato soccorsi etc etc se poi non vengono presi provvedimenti drastici. Tutti a piede libero con una semplice denuncia