IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

In tribunale depositato il concordato preventivo di Italiana Coke

Cairo Montenotte. Scatta la seconda fase per l’Italiana Coke di Bragno. Il concordato è stato depositato in tribunale ed entro un mese sarà convocata l’assemblea dei creditori dell’azienda

A supporto del piano, il piano finanziario di rientro a lungo termine, asseverato da Massimo Scotton, presidente dell’Ordine dei Commercialisti e degli esperti contabili di Genova, un’autorità, quindi, che attesta la veridicità dei dati aziendali che «fotografano» la situazione della società, nonché la fattibilità del piano presentato. Un piano che, secondo indiscrezioni, è considerato «serio e attendibile». E nel quale, nonostante voci in tal senso, non pare si contempli alcuna cessione di quote da parte del Gruppo Ascheri.

La proposta depositata dal pool di esperti dell’Italiana Coke viene definita «un documento in linea rispetto a quanto detto finora, con l’intento di proseguire l’attività dello stabilimento, con un’inevitabile penalizzazione proposta ai creditori nei limiti accettabili per questo genere si situazioni».

A questo punto se il Tribunale aprirà il procedimento, la normativa prevede 30 giorni di tempo per la convocazione dell’adunanza dei creditori. E’ probabile, però, che i commissari chiederanno una proroga per riunire il caso della Energy Coal per la quale, lo scorso aprile, sempre il Gruppo Ascheri aveva presentato una richiesta di preconcordato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Sergio Sanguineti

    E voilà!… Anche questa se la sono “pappata”, con buona pace di sindacati e loro affezionatissimi tesserati, particolarmente nel disastrato settore industriale Vado-Savona…