IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Tar “punisce” la discoteca Le Vele, confermato il provvedimento del Questore foto

Già "scontati" tre dei quindici giorni di chiusura dopo una serie di episodi accaduti nel 2014 e quest'anno

Alassio. Doccia fredda per la discoteca “Le Vele” di Alassio. Il Tar ha confermato il provvedimento del questore Francesco Santoro e dopo la sospensiva ha emesso la sentenza: il locale deve restare chiuso almeno 12 giorni. Tre li aveva già scontati prima di Ferragosto.

Il provvedimento d’urgenza era stato adottato dopo una serie di episodi avvenuti nella discoteca alassina, tra cui la denuncia nei confronti di tre albanesi per minacce aggravate e porto d’armi, con una quarta persona ricercata dall’Arma per aver minacciato con una pistola un buttafuori nel piazzale esterno al locale. Era stato lo stesso addetto alla sicurezza ad aver chiamato i carabinieri: i militari avevano poi identificato i tre che avevano deciso di vendicarsi perché portati fuori dalla discoteca.

“Le Vele” era da tempo sotto osservazione (già dall’anno scorso, per una aggressione). Dall’inizio dell’apertura estiva si erano verificate alcune risse anche piuttosto accese, che avevano richiesto l’intervento delle forze dell’ordine; ma tra le motivazioni della chiusura compariva anche, a seguito dei controlli e dei riscontri eseguiti dalle forze dell’ordine, la presenza e la frequentazione nella discoteca di persone pregiudicate.

Motivazioni di sicurezza e ordine pubblico, dunque, a seguito di due relazioni della Polizia di Stato e una dell’Arma dei carabinieri, che avevano spinto il Questore ad adottare il provvedimento amministrativo nei confronti della discoteca alassina, in relazione all’art. 100 del Testo Unico delle leggi di Pubblica Sicurezza.

Contro il provvedimento aveva presentato ricorso la direzione del locale che aveva ottenuto una sospensione del provvedimento notificato dal Questore di Savona che ha determinato la chiusura della discoteca Le Vele a partire da sabato 8 agosto.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. franzdea
    Scritto da franzdea

    certo i pregiudiocati entrano alle vele , ma non è il buttafuori che deve tenerli a casa ma i magistrati che li lasciano a piede libero, idem per gli albanesi che girano armati, se nn vanno li andranno in un altra disco a far casino , mi raccomando reprimiamo sempre chi lavora e lasciamo liberi i deliquenti. L’italia va proprio al contrario

  2. Scritto da pensierolibero

    Io non vado in discoteca .Ma fanno schifo la citta è piena di delinquenti e la giustizia invece di perseguire quei delinquenti fà chiudere una discoteca che da lavoro a molte persone ed è divertimento per tanti giovani. IO direi tutti a casa dei giudici …

  3. F.Nietzsche
    Scritto da F.Nietzsche

    Ti pareva che non ci fossero di mezzo degli albanesi..