IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Finale Ligure commercio in crisi, avanza il cimitero dello shopping

Locali vuoti o in procinto di chiudere che si alternano in modo regolare ai negozi aperti i quali da qualche anno ormai cambiano nome

Finale Ligure. Chiuderanno 2 negozi a Finale Ligure: il “Samoa” e “Piccoli Giramondo”. Due negozianti giovani ed entusiasti che hanno deciso di abbassare la saracinesca.

E il rinnovo, se non con qualche rara eccezione,  non arriva mai. Le saracinesche si abbassano e addio: il titolare, se ha la possibilità, le alza altrove, tentando un’altra avventura imprenditoriale se è coraggioso, altrimenti si arrangia come può abbandonando del tutto.

Non solo Finale Ligure perché il  cimitero del commercio cittadino si avverte anche a Savona, Alassio. “Nell’ultimo periodo – sottolinea il vicepresidente della Confcommercio provinciale Lorenza Giudice – si sta assistendo a una vera e propria ecatombe: lapidi dai colori fluo che annunciano sconti strepitosi e decisamente fuori stagione non fanno altro che testimoniare il livello di decomposizione in cui versano i cadaveri. Chi ha buona memoria e ha vissuto questa città nel suo fulgore commerciale, ben prima che l’avvento della crisi spegnesse molte delle sue luci, non può non ricordare i negozi di Finale Ligure come di Alassio dove comprava soprattutto chi arrivava da fuori città. Di quel periodo fiorente è rimasto ben poco”.

E la stessa cosa accade anche a Savona con locali vuoti o in procinto di chiudere che si alternano in modo regolare ai negozi aperti i quali da qualche anno ormai cambiano nome, proprietà e categoria merceologica con velocità disarmante.

Ci si imbatte facilmente in vetrine coperte da giornali, su cui sono ancora visibili i segni di un recente passato di sconti estremi; in negozi di abbigliamento che si ammantano del titolo di outlet ma si differenziano poco o per nulla da piccoli bazar assolutamente privi di grandi griffe; in attività che avvisano la clientela all’entrata: “per chiusura attività fuori tutto donna”, si legge su cartelloni posti in bella vista.

E poi gli sconti, altissimi e fuori stagione tanto da obbligare i titolari a dover tirare in ballo eventuali ristrutturazioni dei locali per giustificare ribassi che neanche nel periodo dei saldi di fine stagione si vedono e non incappare, quindi, in una denuncia per concorrenza sleale.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Sergio Sanguineti

    …Nel più vasto panorama del declino industriale, turistico, infrastrutturale ed ambientale ligure, settantennale, crescente da quando, qualcuno, a Roma ha fatto pollice verso contro la Liguria… I sinistri amministratori liguri, incapaci di farsi valere, menefreghisticamente hanno fatto il resto, tra mille scandali più o meno noti, più o meno impuniti o “coperti”, astutamente e settariamente.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.