Al via i lavori della giuria del premio letterario nazionale "Scienza fantastica" - IVG.it
Competizione

Al via i lavori della giuria del premio letterario nazionale “Scienza fantastica”

Tema di questa terza edizione: "I confini"

Scienza fantastica spotorno guidoni

Spotorno. Si è chiuso il 30 giugno il termine ultimo per la presentazione dei brevi racconti di fantascienza per il premio letterario nazionale “Scienza Fantastica”.

Questa terza edizione, che si terrà a Spotorno da domenica 26 luglio a sabato 1 agosto, avrà come tema “I confini”, incentrandosi sul desiderio e la necessità che ha da sempre spinto l’uomo a conoscere ed esplorare nuovi “universi”; il confine quindi, non inteso come recinto o delimitazione, ma piuttosto come orizzonte, fisico, geografico, psicologico e introspettivo. Ci si chiederà così, quali sogni o quali incubi per l’uomo moderno si celano oltre ogni confine, “là dove nessun uomo è mai giunto prima”.

In totale sono giunti una quarantina di racconti tra sezione adulti e ragazzi. Quindi la giuria del premio si è messa subito al lavoro, sotto la guida del presidente di giuria Umberto Cavallaro, attuale presidente di Asitaf – Associazione Italiana di Astrofilatelia. Asitaf è il punto di riferimento, in Italia, degli Astrofilatelisti e dei collezionisti di oggetti filatelici relativi alla esplorazione dello spazio, e degli appassionati di astronautica e collezionismo. Umberto Cavallaro ha recentemente pubblicato il volume “Donne nello spazio”, sponsorizzato da Asitaf e Thales Alenia Space Italia. E non poteva mancare, nel citato volume, quindi un accenno a Samantha Cristoforetti, la prima astronauta italiana. Sam è stata la sessantesima donna a partire per lo spazio in poco più di cinquant’anni, su un totale di 557 “navigatori” del cosmo. L’ingresso delle donne nell’esplorazione del cosmo è avvenuto in epoca pionieristica nell’Unione Sovietica, quando – in piena Guerra Fredda – era la Propaganda di Stato a dettare i requisiti del programma spaziale: l’importante era primeggiare in tutto e a qualunque costo. E Valentina Tereškova, la prima donna nello spazio, con la sua impresa del 1963 divenne il nuovo simbolo della superiorità spaziale sovietica e antesignana della conquista femminile del cosmo, seguita vent’anni dopo dalle americane e poi da giapponesi ed europee. Il libro, con un inserto ricco di fotografie a colori, tratteggia il panorama dell’astronautica “al femminile”, presentando i profili di sessanta “eroine del nostro tempo”, i primati che hanno accumulato nella loro attività e raccontando – o facendo raccontare dalle stesse protagoniste – aneddoti, curiosità e ricordi delle loro straordinarie imprese

“Scienza Fantastica” non è solo premio letterario, ma si propone come grande opportunità di divulgare elementi di scienza e appassionare con aspetti della fantascienza sia adulti che giovani.

L’assessore alla pubblica istruzione Gian Luca Giudice ed il consigliere delegato alla cultura Andrea Minetti, ideatori della rassegna per conto dell’amministrazione comunale, spiegano così la scelta del nome dell’evento: “Scienza Fantastica, avventure nello spazio, tempo e dimensione” è il titolo della prima rivista dedicata alla fantascienza edita in Italia nel 1952; proprio a tale rivista si ispira la rassegna spotornese, anche nella declinazione delle proposte culturali inserite nella stessa: come il periodico pubblicava racconti e romanzi di fantascienza a puntate affiancandoli a rubriche scientifiche e concorsi di scrittura per i lettori, così “Scienza Fantastica” coinvolge il pubblico abbinando al settore letterario e artistico, anche una nutrita parte di divulgazione scientifica

Nutrito il programma delle iniziative che vedono confermata, nella serata di martedì 28 luglio, la presenza dell’astronauta Umberto Guidoni, primo astronauta europeo a salire sulla Stazione Spaziale Internazionale, così come l’annullo filatelico a tema a cura del Circolo Filatelico Spotornese su cartolina disegnata per l’occasione dall’architetto e vignettista Roberto Giannotti e la serata inaugurale a cura di Thales Alenia Space Italia che ha collaborato alla costruzione e progettazione dei moduli Iss (International Space Station). Per gli appassionati di cinema e letteratura avremo due conferenze a tema: “Viaggio ai confini del tempo tra scienza e fantascienza” con lo scrittore e giornalista informatico Paolo Attivissimo e “Là dove nessuno è giunto prima” a cura del Museo del Fantastico e della Fantascienza di Torino; per chi vuole approfondire le novità della ricerca scientifica si parlerà di “Apparati giganteschi per creare in laboratorio i primi istanti dell’universo” con Nadia Pastrone dell’Istituto Nazionale di Fisica nucleare; non mancheranno iniziative e laboratori dedicati anche ai più piccoli, tra i quali “Astronavi fai da te”, per costruire con le proprie mani un veicolo spaziale su misura ed un nutrito percorso espositivo artistico, modellistico, filatelico e letterario sempre in Sala Convegni Palace.

Alla rassegna Scienza Fantastica sarà anche presente l’Associazione Astrofili Orione che aiuterà curiosi e appassionati nella osservazione degli astri e della International Space Station.

L’edizione 2015 ha già ottenuto il patrocinio della Regione Liguria e della Provincia di Savona, dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), dell’Ente spaziale Europeo (Esa) e dalla Thales Alenia Space Italia. Tutti gli eventi della rassegna solo liberi e gratuiti. Tutte le informazioni del premio Scienza Fantastica sono reperibili dal sito internet del Comune e dalla pagina facebook del Premio.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.