IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Variante del Mulino di Carcare, il meetup chiede più sicurezza sulle strade

"Occorre intervenire per vietare il transito ai mezzi pesanti e rallentare la velocità dei veicoli"

Carcare. “Ottima cosa l’apertura della variante del Mulino, ma occorre intervenire per vietare il transito ai mezzi pesanti e rallentare la velocità dei veicoli”. Il “Meetup Amici di Beppe Grillo della Val Bormida” accoglie con favore la notizia dell’apertura della tanto attesa variante del Mulino di Carcare ma crede che occorra migliorare la sicurezza stradale della zona.

Auspichiamo – spiegano i membri del gruppo – che nel più breve tempo sia interdetto il traffico pesante in via del Collegio e in via Barrili. Oltre a ciò riteniamo sia indispensabile mettere in atto, specie in via del Collegio, provvedimenti tali da rallentare la velocità dei veicoli soprattutto in prossimità degli attraversamenti pedonali di fronte alle scuole e al centro commerciale, luoghi ad elevato rischio investimento per le persone. Situazione analoga e forse ancor più grave per gli incidenti anche mortali verificatisi in passato, nel rettilineo di Casa Lidora dove il 19 maggio scorso abbiamo assistito all’ultimo investimento di un pedone”.

“A quanto pare – proseguono – gli indicatori di velocità piazzati ai due ingressi del rettilineo non sono uno strumento efficace a rallentare i veicoli e quindi sarebbe necessario mettere in pratica soluzioni aggiuntive. Tale strada attraversa un vero e proprio centro urbano frequentato da residenti di ogni età e soprattutto bambini che la attraversano per salire sul bus che li porta a scuola. Le proteste e le richieste in tal senso dei cittadini non vengono evase con la ‘provinciale’ giustificazione che mancano fondi. Addirittura parrebbe non possa essere garantita la manutenzione ordinaria delle strade dichiarando ‘di fronte a buche o smottamenti non riusciremo a far altro che mettere dei birilli e transenne e a limitare il traffico sulle strade’”.

La sicurezza è una questione importante: “Ricordiamo che la sicurezza deve essere sempre garantita come l’efficienza dei pubblici servizi stradali, non solo a Carcare o Cosseria ma ovunque. Le risorse ci sono, fate meno rotonde e fatele meno costose, tagliate le partecipate, eliminate gli sprechi. Pare non ci siano stati troppi problemi a finanziare e realizzare in tempi record la strada del ponte della volta (un milione e mezzo). La Provincia doveva essere soppressa per risparmiare e recuperare risorse e invece ciò non è accaduto. È rimasto un costoso e lamentoso fantasma burocratico che sembrerebbe non essere in grado di garantire servizi e funzioni che potrebbero essere affidati ai comuni opportunamente accorpati. Sarebbe ora di farla finita con questo modo di gestire la cosa pubblica e assumere le proprie responsabilità di fronte ai cittadini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.