Servizi pubblici di Alassio nel degrado, Progetto Alassio all'attacco del Comune - IVG.it
La polemica

Servizi pubblici di Alassio nel degrado, Progetto Alassio all’attacco del Comune fotogallery

Alassio. Indecorosa e inqualificabile. E’ la situazione fotografata da “Progetto Alassio” che questa mattina, di buon’ora, ha girato per la città monitorando la situazione relativa ai servizi pubblici sparsi sul territorio comunale.

Dall’estratto del Capitolato Rifiuti attualmente in vigore e in particolare all’articolo 18 si legge che “La ditta dovrà svolgere un’accurata pulizia giornaliera di tutti i locali o strutture comunali adibiti servizio igienico pubblico, compresa la scopatura, lavaggio dei pavimenti, spolveratura dei mobili e arredi, vuotatura dei cestini e posacenere, fornitura e posa in opera di carta igienica, carta asciugamani e sapone, lavaggio e disinfezione, sturamento di tutti gli apparecchi sanitari presenti nei locali. Lavaggio eventuali vetri e infissi una volta al mese.  Apertura alle ore 07.00 e chiusura alle ore 23.00 di ogni giorno dal 15 maggio al 30 settembre; apertura alle ore 07.00 e chiusura alle ore 19.00 dal 1 ottobre al 14 maggio”.

Ma qualcosa non torna tanto che Progetto Alassio ha deciso di pubblicare le foto che si riferiscono a servizi igienici alassini. “Questa era la situazione alle ore 1.30 ed alle ore 8.45 di questa mattina venerdì 05 giugno 2015”.

Progetto Alassio si pone delle domande a cui  seguirà una mozione al prossimo Consiglio Comunale:
“Vista l’evidente inadempienza della Ditta incaricata quale multa verrà comminata alla stessa Considerato che situazioni analoghe vengono segnalate periodicamente vorremmo conoscere il numero delle sanzioni comminate alla Ditta in questi due anni di servizio; A chi compete la vigilanza sulla corretta esecuzione dei lavori e servizi previsti dal Capitolato? Sono stati presi provvedimenti nei confronti di chi ha questa responsabilità?”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.