IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piano rifiuti, sì dall’assemblea dei sindaci: per tutti i comuni obiettivo differenziata al 65% foto

Proroghe per i comuni, passa il concetto di "aggregazione" in vista del gestore unico (2020)

Provincia. Discussione lunga e non semplice, ma alla fine sul tema dei rifiuti è arrivata una approvazione all’unanimità. E’ quanto è emerso questa mattina nel corso dell’Assemblea dei sindaci che si è svolta a Palazzo Nervi, con al centro proprio la delibera sulla gestione dei rifiuti nel territorio savonese. Trovare un accordo non è stato semplice così come unire le differenti necessità dei comuni, che dovranno comunque adeguarsi per raggiungere gli obiettivi i raccolta differenziata al 65%, in attesa di definire l’ambito unico di raccolta e gestione oppure due sub-ambiti, a seconda di come andrà anche il confronto con la Regione. Ed entro il 2020, quindi, l’arrivo del gestore unico per i rifiuti della provincia.

Provincia Assemblea Sindaci Rifiuti

Sulla base delle nuove indicazioni normative la provincia è subentrata per legge ai comuni sul tema dei rifiuti ed è titolare di tutti i contratti in essere. Un passaggio non semplice che necessita di una fase transitoria adeguata, che permette di uniformare le performance dei comuni savonesi. Non sono mancati i botta e risposta tra sindaci e amministratori, come quello tra il sindaco di Albisola Superiore Franco Orsi e l’assessore comunale di Savona Jorg Costantino.

“L’aggregazione indicata nella delibera serve per rendere servizi migliori a prezzi più bassi, ma non a perdere identità. Inoltre, il sistema pubblico non è detto che funzioni meglio del privato e imporre l’utilizzo di società pubbliche è illegittimo. Non vorrei che questa delibera fosse indirizzata a salvaguardare Ata…” ha detto il sindaco Orsi.

“Gli attacchi ad Ata mi hanno stancato…E ribadisco che la nostra posizione come Comune è che il sistema rifiuti debba restare pubblico, lavorando in sinergia tra le realtà comunali” ha risposto l’assessore Costantino.

“E’ necessario definire un percorso condiviso e individuare lo strumento di pianificazione adeguato” ha aggiunto Orsi. E il sindaco di Pallare Giovanni Delfino ha evidenziato: “Sono pronto a fare una gara pubblica per la raccolta dei rifiuti, ma sono nella difficoltà di aggregarmi…Se debbo rispettare l’obbligo di aggregazione con un altro comune non so come fare. Credo che si debba lasciare la possibilità di non aggregarsi, altrimenti si resta fermi con il servizio”

Alla fine è passato un “periodo transitorio” elastico per i comuni, come ha sottolineato il presidente della Provincia di Savona Monica Giuliano: “Ci saranno uno o più ambiti per la raccolta, con le necessarie proroghe per i comuni che dovranno adeguarsi ai livelli di differenziata al 65%. Ci prendiamo un anno di tempo per valutare la gestione del servizio, anche in relazione a quello che sarà il confronto con la Regione Liguria”.

“Tuttavia sono soddisfatta perché questa delibera mette ordine al sistema rifiuti provinciale dopo tanti anni di confusione e ritengo che il percorso tracciato oggi porterà ad avere un sistema più efficiente ed economico a livello provinciale”.

“Mi pare che la Provincia abbia svolto un ruolo di equilibrio importante, salvaguardando le diverse modalità di gestione dei i comuni, rispettando le tempistiche necessarie per conformare i contratti e adeguarsi agli obiettivi della delibera” ha concluso il presidente Giuliano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.