Imprenditori balneari a Bruxelles per difendere le concessioni fino al 2020 - IVG.it
On the beach

Imprenditori balneari a Bruxelles per difendere le concessioni fino al 2020

occhiali da sole spiaggia tintarella

Savona. Difendere, presso la Corte di Giustizia Europea, in linea con l’Avvocatura di Stato la proroga al 31 dicembre 2020 delle concessioni in essere, insidiata dalle sentenze dei Tar Regionali.

E’ uno dei temi affrontati nel corso dell’incontro che si è svolto a Bruxelles da Cna Balneatori con gli europarlamentari italiani. “Nel corso del vertice abbiamo esposto direttamente ai membri del Parlamento Europeo – ha sottolineato Cristiano Tomei, coordinatore nazionale di CNA Balneatori – i punti al centro della nostra azione di mobilitazione per il settore, e abbiamo ricevuto, da tutti, piena condivisione su tutte le nostre proposte”.

“E’ necessario andare avanti con il doppio binario – ha proseguito Tomei – in piena sintonia con il Governo italiano. Per le imprese in attività deve essere stabilito un adeguato periodo transitorio. Per tutte le nuove concessioni l’assegnazione avverrà mediante gara. Dobbiamo inoltre difendere, presso la Corte di Giustizia Europea, in linea con l’Avvocatura di Stato, anche la proroga al 31 dicembre 2020 delle concessioni in essere, insidiata dalle sentenze dei Tar Regionali”.

“In Commissione UE- ha aggiunto Tomei – tenteremo di approfondire la materia giuridica per arrivare ad escludere il settore balneare dalle procedure di gara ad evidenza pubblica”. 

“Il tema – ha concluso Tomei – sarà trattato nel prossimo incontro che CNA Balneatori avrà con la Commissione Europea, con la direzione generale che si occupa di mercato interno, industria, imprenditorialità e PMI”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.