Caduta di gabbiani in via Gramsci a Savona: nuovo soccorso dell'Enpa, "il Comune intervenga" - IVG.it
Nidi in città

Caduta di gabbiani in via Gramsci a Savona: nuovo soccorso dell’Enpa, “il Comune intervenga”

nido gabbiani

Savona. E’ caduto a terra, e si è ferito, anche il terzo esemplare del nido di gabbiani posto sulle fioriere della centrale via Gramsci a Savona; anche lui, sempre sorvegliato dai genitori che volavano minacciosi tra passanti e turisti, è stato soccorso dai volontari della Protezione Animali, che ora lo alleveranno fino alla liberazione in una delle poche zone costiere disabitate.

All’Enpa continuano a sperare, dopo quattro anni di inutili richieste, che “il Comune mantenga finalmente la recente promessa di rendere non nidificabili per gabbiani e colombi le fioriere della via, evitando all’associazione faticosi recuperi e costosi mantenimenti di volatili caduti a terra” afferma l’associazione savonese.

Per contrastare l’espansione e la presenza dei gabbiani nelle città, l’Enpa ha più volte proposto ai sindaci della Riviera di organizzare, con l’autorizzazione di Provincia ed ISPRA, la raccolta incruenta delle uova dai nidi posti sugli edifici cittadini, nei mesi di aprile e maggio; lo ha soprattutto richiesto al comune di Bergeggi, poiché l’isolotto omonimo è sede di una intensa nidificazione con diffusione dei volatili nei paesi vicini: “Nessun comune ha finora neppure risposto, mentre gli uffici comunali, a cui si rivolgono cittadini e turisti per segnalare la presenza di gabbiani su tetti e terrazzi, dirottano comodamente le telefonate all’Enpa, quasi fosse responsabile di questa ingombrante colonizzazione urbana” conclude l’associazione.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.