Degrado

Albenga, Ciangherotti (FI): “Torre civica? La perizia una semplice consulenza di parte”

Albenga Striscione Giro

Albenga. “Una consulenza tecnica di parte sulla Torre del Comune. Solo così si può definire la relazione tecnica effettuata, su indirizzo dell’amministrazione comunale con affidamento diretto, da un Ingegnere di Genova, in qualità di libero professionista, al costo di 3.800 euro per le casse comunali. Una verifica che sarebbe stato opportuno, per altro, eseguire prima dell’affissione del banner del Giro d’Italia, per una vera tutela di un monumento storico. E invece no, a posteriori, dopo la nostra denuncia, è stata eseguita una relazione tecnica che evidenzia lo stato di degrado e lo stato fessurativo della Torre dei Malasemenza, degrado che, ad una attenta osservazione, è possibile evidenziare anche in tante altre parti, soprattutto interne, del Palazzo comunale”. Lo afferma il consigliere comunale di opposizione Eraldo Ciangherotti (FI).

“Di fatto il libero professionista, nella sua consulenza, escluderebbe la correlazione del distacco dei mattoni con il recente posizionamento del telone sulla Torre per il passaggio del Giro d’Italia, perché “i tasselli di ancoraggio del telone sono ancorati nei giunti di malta”… nonostante gli ingrandimenti fotografici allegati evidenzino l’inserimento dei fischer della lunghezza di 20 cm anche nel corpo dei mattoni e nonostante il lavoro di ancoraggio del banner sia stato eseguito in difformità rispetto all’autorizzazione rilasciata dalla Soprintendenza”.
“Ciò che più lascia perplessi è che un’amministrazione comunale abbia incaricato, a parcella, uno studio professionale privato e non abbia affidato il compito di questa relazione direttamente all’Università di Genova, prima di tutto per sostenere il nostro Ateneo genovese, in secondo luogo per sgomberare il campo da ogni dubbio con il giudizio inequivocabile di una Istituzione super parte” conclude.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.