Terrorismo

Terrorismo, l’Imam di Albenga: “Brahim è un bravo ragazzo”

Nella moschea di regione Bagnoli pregano 300-400 fedeli, tutti contrari a qualsiasi forma di terrorismo

abdelaziz sofi

Ceriale. “Un ragazzo di buona famiglia, conosco i suoi genitori e anche lui, un bravissimo calciatore”. E’ così che Abdelaziz Sofi (nella foto), Imam della moschea di Albenga, la più grande della Liguria, ricorda Brahim Aboufares lo studente è accusato anche di concorso nell’arruolamento di persone per il compimento di atti di violenza con finalità terroristiche.

“Non frequenta la moschea – aggiunge Abdelaziz Sofi – vediamo la sua famiglia ogni tanto solo in occasione del Ramadan e di feste. Ma lui, ne sono certo, non partecipa alle nostre preghiere”.

Nella moschea di regione Bagnoli pregano 300-400 fedeli. “Tutti contrari a qualsiasi forma di terrorismo – dice l’Imam – Sono certo che Brahim non è un fanatico. Lo conosco da tanti anni e non mi ha mai dato l’impressione che possa essere il tipo di fare cose del genere”.

I carabinieri della compagnia di Albenga che da tempo controllano tutta la Piana non ricordano di averlo arrestato o denunciato per attività legate al contrasto della criminalità o spaccio di droga. Un ragazzo con i documenti in regola così come la sua famiglia.

leggi anche
ros carabinieri
Operazione del ros
Ceriale, studente 19enne denunciato per sospetto terrorismo

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.