Aria aperta?

Pietra, scatta la protesta anti-caravan: “No all’area camper in zona Morelli”

Nasce il comitato contro il progetto approvato dalla giunta Valeriani

Pietra Ligure. “Un carosello di 50 camper ogni 36 ore distruggerà la quiete e inquinerà il quartiere con gas e rumori. Aderisci al comitato contro questa iniziativa“. Il comitato in questione ancora non è stato costituito, ma le posizioni sono già molto chiare.

A Pietre Ligure c’è maretta per la nuova area di sosta dei caravan che dovrebbe sorgere in zona Morelli. Il progetto è stato approvato dalla giunta Valeriani a febbraio e i titolari del terreno hanno già fatto partire il procedimento per la realizzazione della struttura di accoglienza.

Alcuni cittadini, però, sono già sul piede di guerra e annunciano battaglia. Per questo è attualmente in fase di costituzione un comitato “anti area camper”. “I nostri dubbi – spiegano i portavoce della protesta – riguardano prima di tutto i problemi di sicurezza derivanti dall’avere un gran numero di camper in mezzo a case e condomini. Inoltre ci potrebbero essere problemi di viabilità nella zona davanti alla chiesa del Soccorso. In ultimo, siamo preoccupati del possibile inquinamento acustico e dell’aria prodotto dagli scarichi dei motori”.

Oggi tante località liguri e non sono hanno deciso di puntare fortemente sul turismo all’aria aperta allestendo o potenziando le aree camper, in modo da aumentare l’offerta e catturare un numero sempre crescente di appassionati di un genere di villeggiatura che sta vivendo un momento particolarmente favorevole.

I cittadini scontenti, dal canto loro, non sembrano essere “contro” a prescindere: “L’area camper – concedono – dovrebbe sorgere in una zona più decentrata, nella quale non si avrebbero le gravi conseguenze che ci preoccupano”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.