Risposta

Pecore come tosaerba a Borghetto, Gandolfo replica: “Stiamo rimediando all’incuria iniziata proprio con Angelucci” fotogallery video

Il sindaco replica al consigliere di minoranza che per protestare contro l'incuria del verde ha portato tre pecore al pascolo in un giardino pubblico

Borghetto Santo Spirito. Non si è fatta attendere la replica del sindaco di Borghetto Giovanni Gandolfo alla protesta messa in atto sabato mattina dal consigliere di minoranza del Pdl Bruno Angelucci, che per protestare contro lo stato in cui versa il verde pubblico della città ha deciso di mettere in atto una mini transumanza portando tre pecore a brucare l’erba (incolta) di un giardino vicino alla collina di Pineland.

Angelucci ha voluto sottolineare lo spirito ironico della sua iniziativa: “La mia vuole essere una forma di protesta scherzosa – aveva detto due giorni fa – ma spero porti ad un risultato positivo e possa scuotere la sensibilità dei nostri amministratori. Non pretendiamo la luna, ma il minimo di manutenzione necessario a dare un’immagine decente del paese. Diamoci una mossa. Siamo alle porte dell’estate e non possiamo permetterci di dare questa immagine ai turisti che arriveranno”.

Mi ha sorpreso che il consigliere Bruno Angelucci abbia definito ‘scherzosa’ l’iniziativa di portare le sue pecore a pascolare nel giardino comunale di via Pineland per evidenziare la mancata cura del verde – ribatte oggi Gandolfo – In modo altrettanto scherzoso posso rispondere che le sue pecore possono pascolare solo nelle aree verdi comunali, perché nei suoi terreni non crescerà mai più l’erba; negli ultimi anni, infatti, vi è cresciuto soltanto il cemento”.

Poi, più seriamente: “All’attenzione ‘dell’immagine’ di questo paese ci stiamo lavorando seriamente, non è uno scherzo, non sono polemiche, non sono pettegolezzi. E’ increscioso constatare invece che la polemica arrivi invece proprio da un ex assessore, che ha avuto la fortuna di amministrare in tempi di ‘vacche grasse’ e non si rende conto delle difficoltà enormi in cui versano oggi i Comuni. La squadra dei giardinieri sta lavorando con grande impegno e con ottimi risultati, compatibilmente con i numeri ristretti, ponendo in alcune aree rimedio a un’incuria durata anni e iniziata proprio quando l’assessore era Angelucci. Il problema dell’erba alta verrà risolto in pochi giorni; da venerdì scorso è in atto un intervento straordinario di taglio dell’erba, dopodiché la squadra dei giardinieri (che sarà potenziata con due unità aggiuntive) sarà in condizione di gestirlo a livello ordinario”.

“I cittadini che amano il proprio paese – conclude il sindaco – valorizzano al massimo quello che hanno e se lo vendono al meglio. Il nostro lavoro è inteso ad ottenere una maggiore attenzione sulle potenzialità di Borghetto Santo Spirito in quanto riteniamo che abbia tutti i requisiti per riconoscersi in una vera realtà turistica ricettiva”.

leggi anche
Borghetto, pecore come tosaerba per la cura del verde pubblico
Beee
Borghetto, pecore come tosaerba per la cura del verde pubblico

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.