No al ripetitore telefonico sul tetto delle suore: a Pietra Ligure raccolte 400 firme, continua la battaglia - IVG.it
Antenna per cellulari

No al ripetitore telefonico sul tetto delle suore: a Pietra Ligure raccolte 400 firme, continua la battaglia

antenna telefonia mobile pietra ligure

Pietra Ligure. Già superate le 400 firme contro il ripetitore sul tetto delle suore: continua la battaglia dei cittadini e dei residenti di Pietra Ligure per l’installazione del ripetitore telefonico, ritenuto “un danno paesistico e un problema per la salute della zona”

Alla raccolta stanno aderendo cittadini pietresi, negozianti, artigiani, esercenti pubblici, proprietari di seconde case, residenti che alloggiano anche in altre regioni, turisti e semplici simpatizzanti alla causa che vede coinvolto l’istituto religioso che ospita un albergo.

“Abbiamo superato le 400 firme ma le adesioni crescono di ora in ora – dicono gli organizzatori della raccolta firme -. Molti cittadini sia residenti per un periodo fuori città sia i proprietari di seconde case vengono a conoscenza della notizia e in queste ore e ci hanno pertanto richiesto di prolungare la raccolta firme per consentir loro i tempi necessari per venire a Pietra Ligure in modo da poter aderire all’iniziativa di protesta”.

“Oltre ai condomini vicino, abitati da residenti, ci sono anche molti proprietari di seconde case stanno informando i rispettivi amministratori per valutare le iniziative di tutela da intraprendere: saremo sicuramente al loro fianco” concludono dal Comitato pietrese, che attende risposte anche dalle autorità competenti interessate sulla vicenda.

leggi anche
antenna telefonia mobile pietra ligure
No all'antenna
No al ripetitore telefonico sul tetto delle suore, raccolta firme a Pietra Ligure: la battaglia dei cittadini
antenna telefonia mobile pietra ligure
Antenna per cellulari
Proteste a Pietra Ligure per un ripetitore telefonico sul tetto di un albergo

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.