Colletta in diocesi pro-terremotati del Nepal - IVG.it
Emergenza sisma

Colletta in diocesi pro-terremotati del Nepal

Savona. “Invito caldamente tutte le comunità cristiane e gli istituti religiosi della nostra diocesi ad unirsi alla colletta nazionale per i nostri fratelli nepalesi indetta dalla presidenza della Cei per domenica 17 maggio. La nostra carità sia segno di vicinanza e di prossimità”. Queste le parole del vescovo Vittorio Lupi nell’invitare ogni parrocchia e ogni organizzazione ecclesiale a partecipare alla raccolta fondi a favore della popolazione del Nepal.

Le offerte, da indirizzare alla nostra Caritas Diocesana, saranno inviate a Caritas Italiana attiva da tempo nel Paese asiatico. A causa della straordinaria gravità del sisma, dopo lo stanziamento di tre milioni di euro dai fondi dell’Otto per mille disposto nei giorni scorsi, la Presidenza della Cei, a nome dei Vescovi italiani, ha indetto una colletta nazionale, da tenersi in tutte le chiese italiane nelle messe di sabato 16 e domenica 17 maggio, come segno della concreta solidarietà di tutti i credenti.

L’organismo Caritas è presente in Nepal ed è attualmente sostenuto negli interventi da Caritas India e da tutta la rete Caritas. Dopo essersi concentrati sugli aiuti agli sfollati nella capitale, da giorni dei team Caritas hanno raggiunto alcune zone più periferiche come Gordkha, Sindhupalanchowk, Nuwakot, Lamjung, Rasuwa, Dhadhing, 2 Kavre e Okheldhuga.

Le priorità restano cibo, acqua e riparo. Si sta anche cercando di fornire un sostegno psico-sociale. Finora sono state raggiunte circa 4mila famiglie. Sono stati già distribuiti 3mila teloni cerati e 10mila tende. La rete Caritas ha lanciato un appello alla solidarietà, sottolineando che con 25 euro si possono fornire alimenti liofilizzati per una famiglia per un mese, mentre con 10 euro si può assicurare acqua per una famiglia per una settimana, oppure una tenda per ospitare 3 famiglie, o 30 kg di riso, sufficienti per una famiglia per un mese.

Caritas Italiana da anni è presente nell’area anche con propri operatori per la realizzazione di vari progetti a favore della popolazione. Sto ora fornendo il proprio supporto a fianco delle Caritas locali e delle popolazioni colpite, in coordinamento con l’intera rete Caritas. Dall’intera rete Caritas sono già stati messi a disposizione oltre 3 milioni di euro. E’ possibile aiutare il Nepal anche con un bonifico bancario intestato a Diocesi di Savona-Noli/Caritas Diocesana – Iban IT67 E063 1010 6030 0000 0891 480 causale: Emergenza Nepal oppure negli uffici della Caritas Diocesana dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 11.30 in via Mistrangelo 1 a Savona

leggi anche
  • Corsa e solidarietà
    Emergenza Nepal, la risposta della Finale sportiva: un trail per raccogliere fondi
    Val Maremola Trail
  • Post sisma
    Terremoto in Nepal, Alessandro Beltrame “farò di tutto per aiutare quel popolo”
    alessandro beltrame
  • Aiutare il nepal!
    Terremoto, “Finale for Nepal”: “Cadaveri per la strada e rischio epidemie, fondamentale coordinare gli aiuti”
    terremoto nepal
  • Pronto a tornare!
    Terremoto in Nepal, task force di “Finale for Nepal”. Francesco Vesalici: “Voglio tornare per dare una mano”
    Francesco Vesalici
  • Il ritorno
    Terremoto in Nepal, Francesco Vesalici e Lucia Varaldo sono tornati a casa
    francesco vesalici

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.