IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albero positivo alla Xylella individuato nel Savonese, segnalazione a Bruxelles

Savona. Un albero positivo alla Xylella è stato individuato in un punto vendita di piante in provincia di Savona.

Una segnalazione è stata inoltrata dall’Italia a Bruxelles. L’ulivo, però, secondo le fonti, sarebbe originario di un vivaio toscano, e i test effettuati finora sulle piante vicino a quella malata ma asintomatica sarebbero negativi.

La Commissione Ue, comunque, dato il caso piuttosto particolare, “è in contatto con le
autorità italiane per avere ulteriori chiarimenti su questa notifica” e “fino a che non ci saranno ulteriori informazioni da parte dell’Italia non potrà fornire ulteriori dettagli”.

Le misure anti-Xylella adottate dal Comitato per la salute delle piante la scorsa settimana prevedono – ma solo in caso di identificazione di un nuovo focolaio vero e proprio del batterio killer degli ulivi – l’eradicazione di tutte le piante malate e di tutte quelle ospiti in un raggio di 100 metri.

“Il sistema ha funzionato bene e quindi adesso aspettiamo l’esito degli esami. Crediamo sia stato sventato un rischio per il settore in Liguria”, ha spiegato l’assessore regionale all’agricoltura Giovanni Barbagallo.

La Toscana, però, respinge le accuse di essere il nuovo “untore”. “In Toscana non ci sono piante contaminate dalla Xylella. Abbiamo controllato in maniera sistematica da ottobre scorso ad aprile tutti i vivai che fanno gli ulivi, e da aprile i controlli sono stati intensificati” e i risultati sono stati negativi, ha assicurato a sua volta l’assessore all’agricoltura Gianni Salvadori. “Abbiamo gia’ chiesto al Cnr di Bari, che si occupa degli accertamenti, di conoscerne i risultati e poi decideremo come tutelare al meglio la Toscana e i suoi vivai”, ha avvertito, aggiungendo che “se c’è un problema in questo momento e’ in Liguria, non in Toscana”, anche perche’ “entro cinque giorni dal ritrovamento dovevamo essere informati e invece lo siamo stati un mese dopo”.

Dalla Coldiretti arriva così la richiesta di “agire con tempestività facendo tesoro dell’esperienza acquisita e ricostruendo al più presto i motivi del contagio, procedendo immediatamente all’isolamento della pianta interessata e al monitoraggio delle aree limitrofe”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da El Rey del Mundo

    Qui in Liguria (come in Puglia) tengono gli uliveti solo per beccarsi le sovvenzioni europee e italiane. Delle olive e dell’olio locali e italiani non gliene può fregar di meno agli ulivicoltori: ormai le l’olio italiano al 100% non esiste quasi più, sono tutte miscele europee o extraeuropee con provenienze generiche, quel poco che viene prodotto in Italia viene venduto a prezzi talmente alti che è pressoché improponibile venderlo al dettaglio (20-25 euro/litro). Quindi conviene comprarlo nei supermercati a 3 euro/litro e il problema Xylella è bello che risolto. Questo problema della Xylella serve solo a far scucire altri soldi al ministero dell’agricoltura e all’UE.

    1. Scritto da jack667

      Ma si tagliamo tutti gli ulivi tanto non servono…mi contengo e non vado oltre.