IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, viene multato per l’incidente in cui ha perso la vita: beffa “postuma” per Romolo Gravellone

A Gravellone è stata notificata una multa "postuma" di 57 euro e 57 centesimi per violazione dell'articolo 154 del codice della strada

Albenga. La somma da pagare, 41 euro più altri 15 di spese, non sarebbe in sé nemmeno troppo. A indignare, però, è che ad essere stato multato sia un uomo di 92 anni rimasto vittima di un incidente mentre era in sella alla sua bicicletta. E che a causa di quell’incidente abbia anche perso la vita.

E’ questa la “beffa” postuma con cui ha dovuto fare i conti Romolo Gravellone, storico orefice di viale Martiri della Libertà ad Albenga scomparso il 15 aprile scorso. Qualche giorno prima, l’ex commerciante era rimasto vittima di un incidente stradale avvenuto in viale Che Guevara, dove era stato investito da un’auto mentre si trovava sulla propria bicicletta.

L’uomo era stato subito soccorso e ricoverato al Santa Corona di Pietra Ligure, ma le sue condizioni sono apparse disperate. Qualche giorno dopo l’uomo si era spento gettando nel lutto parenti e amici e tutta la comunità ingauna, che lo conosceva e stimava.

Qualche giorno fa ecco la beffa. A Romolo Gravellone è stata notificata una multa “postuma” di 57 euro e 57 centesimi per violazione dell’articolo 154 del codice della strada, il quale stabilisce che

“I conducenti che intendono eseguire una manovra per immettersi nel flusso della circolazione, per cambiare direzione o corsia, per invertire il senso di marcia, per fare retromarcia, per voltare a destra o a sinistra, per impegnare un’altra strada, o per immettersi in un luogo non soggetto a pubblico passaggio, ovvero per fermarsi, devono: assicurarsi di poter effettuare la manovra senza creare pericolo o intralcio agli altri utenti della strada, tenendo conto della posizione, distanza, direzione di essi; segnalare con sufficiente anticipo la loro intenzione”.

Secondo quanto ricostruito dai vigili ingauni, “nell’effettuare la manovra di cambiamento di direzione” Gravellona “creava pericolo ed intralcio ad altro utente della strada tenuto conto del sopraggiungere da tergo ad una velocità non particolarmente moderata”.

La multa è stata recapitata a casa di Gravellone in quanto gli agenti che hanno rilevato la violazione non sono riusciti a contestarla immediatamente e sul ruolo del rilevamento. Perciò, a distanza di un mese dalla scomparsa dell’orefice ecco arrivare una missiva che per qualcuno sa molto di presa in giro. Anche per questo, qualche amico si chiede “dove sta la sensibilità per i parenti della vittima”. E poi, con infinito rispetto: “Romolo riposa in pace. E scusali”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gianmarco

    I vigili di Albenga non perdono occasione per far brutte figure.

  2. Scritto da gattonero

    Spedire la multa a un cadavere è un atto d’ufficio ? Invece di tentare una pietosa autodifesa, dovreste solo chiedere scusa. Troppo comodo prendersela con chi non può più difendersi. Abbiate almeno la decenza di non replicare. Grazie

    1. Scritto da pensatore

      invece replico, in quell’incidente è coinvolto un altro veicolo e il verbale di contravvenzione stabilisce delle colpe che servono a scagionare o attenuare conseguenze civili e penali delle persone coinvolte. Sono naturalmente dispiaciuto che una persona sia morta ma bisogna pensare a tutte le parti coinvolte.
      La mia non è un’autodifesa (non sono coinvolto nella faccenda) ma esclusivamente un commento neutrale. Faccio notare che non ha ragione chi subisce il danno maggiore ma chi ha rispettato il codice della strada.

  3. Scritto da pensatore

    la multa è un atto dovuto al termine della ricostruzione della dinamica dell’incidente; il non emetterla sarebbe stato omissione d’atti d’ufficio.

  4. Scritto da Ramarro

    Il nome corretto non è beffa, ma atto dovuto. La cui mancanza comporterebbe una denuncia per omissione di atti di ufficio.