Quiliano, nuove regole per accedere al Parco di San Pietro in Carpignano - IVG.it
Norme di comportamento

Quiliano, nuove regole per accedere al Parco di San Pietro in Carpignano

San Pietro in Carpignano

Quiliano. Nuove regole in arrivo per tutti i savonesi che frequentano il conosciuto ed apprezzato Parco di San Pietro in Carpignano, che si trova nel territorio di Quiliano.

“Per far fronte al notevole afflusso di persone che, con l’arrivo della bella stagione, si recano nello spazio verde e usufruiscono delle strutture poste al servizio della comunità, si è reso necessario aggiornare le norme di comportamento già esistenti” spiegano dall’amministrazione comunale di Quiliano.

“Il Parco, la cui gestione è affidata alla ‘Rete di impresa Intorno al Parco’ avente sede nei locali del Ristoro Camilia, potrà essere utilizzato da tutti nel rispetto della nuova ordinanza. Le norme, oltre a prevedere il divieto di accesso con veicoli a motore mentre è ammessa la circolazione, nell’area attrezzata, unicamente con le biciclette ai minori di dodici anni. Per contribuire a mantenere la zona sempre pulita, sono stati installati numerosi contenitori per i rifiuti, al fine di evitarne la dispersione al suolo o sulle attrezzature” precisano dal Comune.

“Il parco – prosegue la nota diffusa dall’amministrazione comunale quilianese – è aperto agli amici a quattro zampe, fermo restando il divieto all’accesso nell’area attrezzata per motivi igienici: i vari percorsi e circuiti sono disponibili per chiunque voglia camminare con il proprio cane, tenuto al guinzaglio per il rispetto degli altri fruitori. Sono ammesse le attività ludiche e ricreative, a condizione che non arrechino disturbo agli altri utenti. Pertanto non sono ammesse partitelle di calcio tra adulti, che non possono essere considerate alla stregua di un gioco spontaneo tra bambini”.

“Esistono poi diverse regole a tutela della sicurezza e dell’incolumità delle persone. Pertanto non è ammessa l’accensione di fuochi liberi ed è obbligatorio usare i barbecue presenti, sempre nel rispetto dei diritti di tutti. L’uso deve quindi essere limitato al tempo necessario per la cottura del cibo, mentre l’unico combustibile ammesso è la carbonella. Terminato l’utilizzo, la cenere deve essere gettata negli appositi contenitori ubicati nelle vicinanze. Inoltre non è consentita qualsiasi attività riconducibile al campeggio: non si possono installare tende o gazebo” concludono dal Comune.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.