Operazione Grissitalia, gli indagati nel mirino della Finanza già da agosto - IVG.it
I retroscena

Operazione Grissitalia, gli indagati nel mirino della Finanza già da agosto fotogallery

Piemontese (GdF): "Indagini molto faticose, plauso ai nostri uomini per le loro capacità"

Savona. Ad agosto erano già finiti nel mirino degli uomini della guardia di finanza, che volevano vederci chiaro su alcune operazioni giudicate “sospette”. Nonostante il campanello d’allarme, però, sono andati avanti per la loro strada fraudolenta. Almeno fino a oggi, quando per alcuni sono scattate le manette.

Era partita l’estate scorsa la prima fase dell’operazione delle fiamme gialle che questa mattina ha portato a dieci arresti per frode fiscale, appropriazioni indebita, emissione di fatture per operazioni inesistenti e frode in commercio. Tra i coinvolti alcuni membri della famiglia Dagna, proprietaria della Grissitalia Srl, e altre persone che hanno preso parte alla frode.

Come spiegato dai vertici della guardia di finanza di Savona, tutto è partito da due segnalazioni effettuate da un istituto di credito savonese (le banche sono tenute a segnalare alla Banca d’Italia le situazioni giudicate “sospette”) nei confronti di una donna di Albissola per alcuni movimenti registrati sul suo conto corrente che erano in netto contrasto con la sua professione di casalinga. In seguito è emerso che gli strani movimenti riguardavano i conti del convivente della donna, che lavorava come autotrasportatore per la Grissitalia.

A questo punto le fiamme gialle hanno messo in atto pedinamenti e intercettazioni che hanno consentito di accertare come funzionava il sistema: alcuni autotrasportatori compiacenti emettevano fatture irregolari con importi superiori a quelli reali, incassavano i bonifici di pagamento e poi giravano “in nero” la differenza all’azienda non prima di aver trattenuto una parte per sé. Il messaggio in codice utilizzato dagli indagati per comunicare che la transazione era avvenuta e quindi c’era da effettuare un passaggio di denaro era: “Poi vengo a prendere i bancali”.

La prima fase dell’indagine, come detto, era scattata ad agosto scorso con la verifica delle due segnalazioni, perquisizioni e sequestri delle somme ottenute irregolarmente. Gli indagati, però, hanno proseguito con la loro attività e di conseguenza anche le fiamme gialle hanno continuato le indagini. Questa attività ha permesso di stabilire che il sistema aveva portato in totale all’emissione di tre milioni e mezzo di fatture false.

A questo punto sono scattate le ordinanze di custodia cautelare, emesse dal Gip Fiorenza Giorgi sulla base di quanto appurato dal Pm Ubaldo Pelosi. Secondo gli inquirenti la frode fiscale è più che “provata” e perciò a breve verranno effettuati anche accertamenti amministrativi.

leggi anche
  • Retata
    Savona, 10 arresti, 20 perquisizioni e due milioni e mezzo di beni sequestrati: maxi operazione della Finanza
    Savona, 10 arresti, 20 perquisizioni e due milioni e mezzo di beni sequestrati: maxi operazione della Finanza
  • I numeri
    Concluse le indagini delle Fiamme Gialle sulla “Grissitalia”: evasione milionaria
    Finanza piemontese michele colonnello
  • Udienza preliminare
    Operazione “Grissitalia”, i vertici aziendali verso il patteggiamento
    Finanza piemontese michele colonnello
  • Udienza preliminare
    Operazione “Grissitalia”: 6 patteggiamenti, 3 condanne in abbreviato e 2 rinvii a giudizio
    Finanza piemontese michele colonnello

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.