IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lo speciale Settore Giovanile del ct Vaniglia: Martin Oedegaard, l’enfant prodige che arriva dai fiordi

Savona. Poter vestire la maglia della propria nazionale e riuscire così a rappresentare il proprio paese è il sogno di ogni calciatore e sono diversi coloro che lo hanno potuto coronare solo nel pieno della propria maturità calcistica. Non è questo il caso dell’enfant-prodige Martin Oedegaard, talentuoso mediano norvegese le cui gesta nel campionato del proprio paese non sono passate inosservate, tanto da convincere il commissario tecnico della Norvegia a convocarlo per un’amichevole con gli Emirati Arabi Uniti.

Il particolare non di poco conto è che il ragazzo, all’esordio assoluto in nazionale, non era nemmeno nato quando Zidane alzava al cielo la Coppa del Mondo vinta nel Mondiale casalingo. Sì, perchè questo giovanissimo centrocampista è nato nel dicembre del 1998 e giocando l’amichevole per cui è stato convocato, lo ha fatto quando aveva 15 anni e 253 giorni.

Questo baby talento, che milita nello Stroemsgodset, è divenuto quindi il più giovane a vestire la maglia della propria Nazionale nella storia del calcio del paese scandinavo. Senza dubbio in questi mesi in massima serie ha messo in mostra ottime doti, segnando tre goal e fornendo sei assist in quattordici apparizioni sui campi del massimo campionato, tanto da attirare l’attenzione di vari club europei, tra cui lo stesso Real Madrid.

Lui è ovviamente emozionato e ha affermato che non pensava di poter “realizzare così presto questo sogno”, ma il ct norvegese ha detto che: “Ha offerto grandi prestazioni in campionato e che quindi è ora di vederlo all’opera anche in nazionale”. Insomma, dalla Norvegia arriva una lezione che il nostro calcio dovrebbe recepire, ovvero che se vi sono dei giovani di talento, bisogna farli giocare subito ad alti livelli: chissà che Oedegaard non giochi anche contro gli Azzurri a settembre, nel match valido per le qualificazioni ad Euro 2016.

Martin Odegaard sembra proprio nato per battere tutti i record. Ad appena sedici anni è infatti il teenager più ricco del calcio mondiale. Il Real Madrid per acquistarlo dallo Stromgodeset ha dovuto sborsare una cifra intorno ai quattro milioni di euro. Una quotazione enorme, considerata l’età del ragazzo che si farà le ossa nella squadra B del Castilla. Ma nulla al confronto dell’ingaggio offerto al talento norvegese: 5,3 mln l’anno fino al 2021.

Martin ha firmato un contratto da top player ancora prima di essere maggiorenne e di dimostrare di essere all’altezza di Cristiano Ronaldo & Co. Roba da predestinati. Soprattutto se paragonato con i giovani più promettenti del calcio europeo. Uno su tutti Paul Pogba. Al momento il francesino della Juventus è infatti uno dei più ambiti dei grandi club ed è riuscito a strappare a Marotta un rinnovo del contratto da “solo” 4,5 milioni l’anno. Quasi un milione in meno del norvegese, che crescerà agli ordini di Zidane guadagnando circa 100 mila euro alla settimana (14.286 euro al giorno, 595 euro l’ora, 9,92 euro al minuto). Numeri impressionanti. Da baby Paperone del calcio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.