Il savonese Giorgio Boni presidente della divisione Rischi Naturali - IVG.it
Ambiente

Il savonese Giorgio Boni presidente della divisione Rischi Naturali

E' l'organismo dell'European Geosciences Union che ha tenuto a Vienna la propria conferenza mondiale 2015

giorgio boni

Savona. Giorgio Boni, ricercatore presso il Campus universitario di Savona e consulente di Fondazione Cima (Centro Interuniversitario in Monitoraggio Ambientale), è stato nominato presidente della divisione Rischi Naturali (Natural Hazards).

E’ l’organismo dell’European Geosciences Union che ha tenuto a Vienna la propria conferenza mondiale 2015 con la partecipazione di scienziati provenienti da 108 Paesi

La divisione NH, tra i cui promotori figura l’attuale presidente di Fondazione Cima, professor Franco Siccardi, è al quarto posto, per numero di lavori presentati alla conferenza, tra le 22 divisioni scientifiche dell’WEuropean Geosciences Union.

Obiettivo della divisione Rischi Naturali è quello di stabilire connessioni tra gli scienziati delle diverse discipline della geofisica che si occupano dell’osservazione, della costruzioen di modelli previsionali e della gestione dei rischi. Inoltre la divisione si occupa dei rapporti tra la comunità scientifica ed i socialogi, gli economisti e gli enti responsabili della gestione del territorio.

Giorgio Boni ha maturato una notevole esperienza operativa e di ricerca in idrometeorologia e eco-idrologia con particolare riguardo alla mappatura dei rischi. Tra l’altro collabora con funzioni di coordinamento allo sviluppo e implementazione del sistema di monitoraggio e allerta del Centro Regionale Idro-Meteorologico della Regione Liguria.

Segretario scientifico della sezione Hydro-meteorological Hazards e già vice-presidente della divisione Natural Hazards dell’EGU, ha coordinato la tredicesima Plinius Conference sulle tempeste nelon Mediterraneo.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.