Cairo, camion "in cordata" lungo la strada per la cava: le proteste dei cittadini - IVG.it
Rimorchio

Cairo, camion “in cordata” lungo la strada per la cava: le proteste dei cittadini fotogallery

A segnalare la curiosa situazione è un'utente di Facebook: "I camion sono talmente pieni che devono farsi trainare da un altro mezzo"

Cairo, camion "in cordata" lungo la strada per la cava: le proteste dei cittadini

Cairo Montenotte. Una lunga fila di camion che si “arrampicano” su per la strada ripida. E non solo a forza dei cavalli motore che hanno sotto al cofano ma (come nella migliore tradizione alpinistica) quasi “in cordata” facendosi trainare da un altro camion che li precede.

Succede quotidianamente lungo la salita che porta alla cava di Camponuovo di Cairo. A segnalare la curiosa (nonché pericolosa e illegale) situazione è un’utente di Facebook che spiega: “Decine e decine di camion salgono alla cava talmente pieni che nell’ultimo tratto di strada devono farsi trainare da un altro mezzo“.

Ciò comporta molti disagi: “Per salire ci vuole parecchio tempo – osserva ancora la segnalatrice – I camion sono fermi e incolonnati. Sorpassare è impossibile: nel caso dall’altra parte arrivasse un altro veicolo non c’è spazio per accostare e tocca andare in retro. I camion, tra l’altro, non si fanno sorpassare essendo in due devono allargarsi. E se si incontrano mentre si scende i conducenti fanno cenno di spostarsi, perché non sono in grado di fermarsi”.

Ma la cosa peggiore è un’altra: “Non oso immaginare cosa succederebbe se il cavo di traino si spezzasse“.

Secondo l’utente del social network le autorità sarebbero a conoscenza del fenomeno: “Pare che i mezzi abbiano i permessi per trainarsi. Ma io mi chiedo: chi dà i permessi per violare il codice della strada? Prego solo che non succeda niente di grave, che non ci scappi il morto. Ma io non voglio rischiare più la pelle”.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.