IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tomaso Bruno a San Siro: e la sua Inter torna a sorridere dopo tre ko di fila fotogallery

Albenga. Ha portato davvero bene la presenza allo stadio San Siro a Milano di Tomaso Bruno. La sua Inter, infatti, è tornata a vincere alla ventiduesima giornata di campionato dopo tre ko di fila e ora respira un po’ in attesa di sperare di ripetersi nella prossima gara, la trasferta di Bergamo contro l’Atalanta.

La partita in versione serale è finita tre a zero per i nerazzurri. Una tripletta che ha scatenato la gioia di Tommy e dei suoi amici tifosi che erano partiti da Albenga alla volta di Milano per assistere al match contro i rosaneri. Qui a San Siro, proprio gli amici, nel 2011 praticamente un anno dopo il clamoroso arresto avevano sistemato uno striscione sugli spalti con la scritta “Giustizia per Tomaso”.

Ieri sera tra i tifosi c’era anche il ragazzo di Albenga che con un po’ di cuore in gola ha rivisto la sua squadra in campo e addirittura vittoriosa. “Tommy porta bene“, è il commento di Marco Frisani, pure lui nerazzurro che ha anche voluto postare alcune foto scattate a San Siro con Tomaso sorridente mentre sfoggia il suo berretto in testa dell’Inter e alza le mani al cielo tenendo tra le mani lo striscione del club di Albenga.

Quando era in carcere a Varanasi Tommy seguiva le gesta della sua squadra leggendo i giornali, anche la Gazzetta dello Sport che gli faceva avere la mamma Marina Maurizio. “In India arrivavano in ritardo – ricorda – ma della mia squadra sapevo tutto. Certo, in questi cinque anni, non sono mancate le delusioni, ma anche le gioie”. E ieri sera con gli amici più stretti Tomaso ha avuto la possibilità di gioire e anche di festeggiare portando davvero bene agli “undici” di mister Mancini.

Nel pomeriggio era stato allo stadio di Albenga per assistere al match dei padroni di casa. Il direttivo degli ultras dell’Albenga gli ha consegnato la maglia numero 6 che fa parte della divisa con cui i ragazzi di Albenga hanno fatto conoscere le peripezie che stava affrontando Tomaso in terra straniera con la scritta “Tommy Libero”. E anche allo stadio Riva è stato lo stesso Tomaso Bruno ad arrotolare lo striscione a lui dedicato che per anni era presente al campo sportivo albenganese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pensierolibero

    Tommaso un drogato accusato di mocidio e poi prosciolto. Dobbiamo occupare pagine per sapere cosa fà e dove va. In Italia per essere famoso devi combinare qualcosa di grave …

  2. Scritto da hadrianus

    Tutto è bene quel che finisce ” bene ” – Ma per favore adesso BASTA con questa storia !!!!

  3. Scritto da briant88

    Su tutta questa vicenda forse sarebbe il caso che scendesse un rispettoso silenzio perché non va dimenticato che un altro ragazzo dall’India non è tornato. E’ una storia tragica alla quale si addice maggiore sobrietà . Con buona pace dei media che potranno riempire gli spazi vuoti con altre informazioni.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.