Scuola Cengio, Xibilia (Cobas): "Soluzioni alternative al trasferimento a Ginepro" - IVG.it

Scuola Cengio, Xibilia (Cobas): “Soluzioni alternative al trasferimento a Ginepro”

Banchi di scuola

Cengio. “La scuola media è in grado di offrire 10 aule alla scuola elementare senza contraccolpi oppure sarebbe meglio adottare altre soluzioni come ad esempio l’uso di altre zone dell’edificio di Genepro oppure i doppi turni?”

Franco Xibilia dei Cobas di Savona interviene a proposito del temporaneo trasloco della scuola elementare di Cengio nella media di Ginepro resosi necessario a seguito del crollo di una trave dal controsoffitto.

“Mentre la situazione generale peggiora ogni giorno e un operaio viene ricoverato in codice rosso colpito da una finestra crollata da un’aula vuota dell’istituto Bergese a Genova – spiega Xibilia – proseguono le inchieste relative all’incredibile crollo del controsoffitto dell’aula mensa alla scuola elementare di Cengio. La grave situazione sta portando al trasferimento delle 10 classi della scuola elementare al plesso della scuola media,in frazione Genepro.Ma la scuola media è in grado di accogliere le classi? L’unico elemento ‘positivo’ della tragedia evitata è la mobilitazione dei genitori,in attesa che le inchieste rispondano ai quesiti che tutti si pongono: almeno sapere il nome della ditta che ha costruito il controsoffitto, chi sono i responsabili del crollo, se era prevedibile il crollo. In attesa delle risultanze dell’inchiesta della Procura della Repubblica”.

leggi anche
  • Nuovi accertamenti
    Crollo alla scuola di Cengio, il giudice dispone una perizia
    Tribunale Savona
  • Nuovo rinvio
    Crollo alla scuola di Cengio, c’è un nuovo indagato: slitta la discussione della perizia
    tribunale
  • Incidente probatorio
    Crollo alla scuola di Cengio, la perizia “inchioda” il progetto: “Era inidoneo per i sovraccarichi attesi”
    tribunale

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.