Regione, "Spese Pazze": chiesti due anni per Quaini e Piredda - IVG.it
Nei guai

Regione, “Spese Pazze”: chiesti due anni per Quaini e Piredda

L'ipotesi di reato è di peculato

Quaini, Fusco, Piredda Italia dei valori

Liguria. Nell’ambito dell’inchiesta per le “spese pazze” in Regione, il pm di Genova Nicola Piacente ha chiesto due anni e due mesi ciascuno per Maruska Piredda e Stefano Quaini, ex consiglieri regionali ed ex Idv.

L’ipotesi di reato è di peculato, mentre per falsi materiali il pm ha chiesto l’assoluzione. La richiesta è stata fatta nell’abito del processo con rito abbreviato davanti al gup Ferdinando Baldini. L’udienza è rinviata al 23 marzo.

Il pm ha inoltre chiesto il rinvio a giudizio per Nicolò Scialfa, ex vicepresidente del consiglio regionale ligure, per Marylin Fusco, ex consigliere regionale, per l’ex deputato Giovanni Paladini, tutti ex Idv, e per l’ex tesoriere del gruppo Giorgio De Lucchi. L’accusa per loro è di peculato e falso. I quattro imputati hanno scelto il rito ordinario e la decisione del gup è fissata per il 23 marzo.

Aggiornamenti nei prossimi minuti

leggi anche
Idv in consiglio regionale
Cronaca
Spese pazze, Piredda e Quaini indagati anche per truffa
stefano quaini
Cronaca
Spese pazze, nel mirino anche gli “acquisti” dell’ex consigliere Quaini: giornali, giochi e convegni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.