Referendum Progetto Alassio, è guerra: pronta una denuncia contro l'amministrazione - IVG.it
Polemica

Referendum Progetto Alassio, è guerra: pronta una denuncia contro l’amministrazione

comune alassio

Alassio. “Un’altra preziosa opportunità sprecata, un’altra prova di scarsa lungimiranza: si guarda il dito, non quello che il dito indica”. La minoranza di Progetto Alassio si scaglia contro l’amministrazione comunale: tema del contendere il “sondaggio-referendum” lanciato dal gruppo politico su quattro temi: il rinnovo anticipato del contratto di Nettezza Urbana, il progetto di realizzazione di box privati e parcheggi in Piazza Stalla, la costruzione di unità abitative nell’area dell’ex mattatoio di Regione Fenarina, e la decisione di non trasmettere più in diretta il consiglio comunale.

“Un questionario che viene diffuso in città, a cui è possibile rispondere online o depositando la scheda in urne poste in diversi esercizi alassini – ricordano da Progetto Alassio – Un questionario del tutto neutro, al quale è possibile rispondere secondo coscienza; un questionario che sta vedendo centinaia di risposte dimostrando quanto sia sentita la volontà di partecipazione alla vita cittadina da parte degli alassini, e che potrebbe essere di stimolo all’amministrazione cittadina”.

Invece no, attacca Progetto Alassio: “L’Amministrazione cittadina decide di stare sul proprio scranno e con sommo disprezzo ignora qualsiasi azione che rischi di andare contro il proprio ‘verbo’. Si passa dal tentativo di ‘dissuasione’ al tenere l’urna in negozio, tentativo che qualcuno potrebbe definire ‘intimidazione’, al comunicato con costo a carico dei Cittadini con le prime righe pre-scritte (la fantomatica opera di demolizione del buon nome della città)”.

“Ma credete davvero a quello che scrivete? – va giù dura la minoranza – Pensate che comunicato avrebbe potuto essere il seguente: ‘Alassio capitale della democrazia. L’Amministrazione decide di collaborare alla raccolta di pareri da parte dei Cittadini per migliorare il proprio operato’. No. Meglio, molto meglio il muro contro muro. Quello che ha permesso di oscurare il Consiglio Comunale, quello che ha bocciato le mozioni su difesa del Commissariato di polizia, dello sgravio fiscale per gli esercizi che avessero fatto a meno delle macchinette mangiasoldi (ludopatia) e altre proposte che in questi due anni sono state avanzate”.

“Si getta un po’ di fango su di una iniziativa che fa esercizio di democrazia senza dimenticare di lanciare un’accusa del tutto assurda: l’invio via mail di un questionario già compilato! A chi? Ad un componente della maggioranza. Ora, siamo consapevoli della scarsa considerazione che la maggioranza ha dell’intelligenza dei propri cittadini, ma non si capisce davvero perché qualcuno avrebbe dovuto inviare un questionario precompilato. Se qualcuno avesse intenzione di imbrogliare l’invio del questionario precompilato sarebbe, evidentemente, inutile”.

“Molto più semplice questa altra lettura: il sistema restituisce all’indirizzo mail indicato una ricevuta con ringraziamento contenete le risposte fornite – spiega Progetto Alassio – I casi sono quindi due. Qualche burlone ha risposto indicando l’indirizzo mail di un membro della maggioranza oppure il membro della maggioranza ha deciso di rispondere e poi si è stupito delle risposte fornite (lapsus freudiano?). Anche questo piccolo controllo testimonia quanto voglia essere ‘neutra’ questa consultazione che, come abbiamo detto, non ha alcun valore scientifico ma costituisce senza dubbio una ‘tendenza di pensiero’ di cui l’Amministrazione farebbe bene a tener conto”.

E qui Progetto Alassio mette il carico da 90: è pronta una denuncia. “Fatte queste doverose considerazioni dobbiamo passare ad esaminare un altro aspetto del comunicato a firma ‘Amministrazione Comunale’ dove si dice espressamente che il questionario proposto (e non ‘somministrato’ come si legge), è fraudolento e svolto in violazione di legge. Per tale motivo, atteso che tali affermazioni sono false, offensive e diffamatorie nei confronti di coloro che si stanno impegnando in quest’opera di trasparenza e democrazia, ovviamente nel pieno e d incondizionato rispetto delle Leggi e della liberà di pensiero, nei prossimi giorni verrà depositata denuncia querela alla Procura della Repubblica contro il dott. Enzo Canepa e contro tutti i componenti della Giunta Comunale di Alassio atteso che il comunicato de quo è firmato ‘Amministrazione Comunale'”.

“Tale iniziativa, peraltro in linea con le recenti analoghe dello stesso Sindaco, comprenderà anche la specifica richiesta di atti d’indagine sull’accertamento specifico dei fatti siccome narrati nel Comunicato. E’ sconcertante, comunque, che un Amministrazione Comunale, formuli giudizi così offensivi senza prima aver appurato la veridicità dei fatti contestati”, conclude Progetto Alassio.

Più informazioni
leggi anche
  • Cittadinanza attiva
    Oltre 200 risposte al referendum online di Progetto Alassio: e ora arrivano le urne “fisiche”
    Incontro progetto Alassio
  • Cronaca
    Progetto Alassio promuove un sondaggio-referendum: “Coinvolgere i cittadini per migliorare la città”
    alassio panorama

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.