IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Province, Paita e Rossetti incontrano i lavoratori. In settimana nuovo vertice tra Regione, Anci e sindacati foto

Genova. Continua il percorso di riordino e assegnazione delle funzioni delle Province e individuazione delle risorse per farsi carico di tutti e 350 lavoratori.

Corteo dei lavoratori della Provincia

Dopo l’approvazione da parte della giunta regionale del nuovo disegno di legge sull’attribuzione delle nuove funzioni in precedenza svolte dalle Province alla Regione, questa mattina si è svolto un nuovo incontro tra una rappresentanza dei lavoratori della Città Metropolitana e delle Province liguri e gli assessori regionali riorganizzazione amministrativa degli Enti e al bilancio Raffaella Paita e Pippo Rossetti.

E’ prevista in settimana la riunione dell’osservatorio tra Regione Liguria, Anci e organizzazioni sindacali per tutelare i lavoratori coinvolti e far funzionare i servizi e arrivare così anche all’approvazione della legge sul riordino da parte del Consiglio delle autonomie locali che dovrà esprimersi positivamente, insieme al consiglio regionale per poter completare l’iter.

“Siamo in attesa di capire la posizione del Cal – hanno detto gli assessori – nel frattempo ribadiamo che la nostra proposta di acquisizione delle deleghe e funzioni nasce principalmente per difendere i lavoratori”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Quando un ente risultato “inutile” termina il suo percorso di vita lascia inevitabilmente dei problemi occupazionali.

    Alcuni vanno risolti in un modo altri in modo differente.

    Ora in un periodo di difficoltà occupazionali per tutti si giustifica la ricollocazione di chi è ricollocabile (diciamo chi oggi ha uno stipendio inferiore a xxx euro) ma torna veramente difficile accettare che l’economia pubblica debba prendersi in carico e garantire anche posizioni strapagate …. posizioni che sono strapagate perchè “dichiarate” validissime e pertanto in grado di “ricollocarsi senza difficoltà”.

    Ovviamente resta il dubbio …. sarà vero che alcune posizioni siano veramente valide?
    sarà vero che queste validissime e strapagate posizioni siano effettivamente valide?