Troppi salti!

Loano, modifiche al piano-traffico in Consiglio comunale. Cepollina: “Sull’Aurelia via Crucis per le ambulanze”

Put Loano: strisce pedonali

Durante il Consiglio Comunale di Loano, convocato per venerdì 27 febbraio, verrà portata in discussione una modifica al Piano Urbano del Traffico che elimina in alcuni tratti il limite di velocità di 30 km/h riportandolo ai 50 km/h previsti nei centri abitati dal codice della strada.

In particolare si modificherà la perimetrazione della zona 30 in Lungomare Madonna di Loreto, in modo da escluderne il tratto compreso tra il passaggio a livello e l’attraversamento pedonale rialzato realizzato in corrispondenza della Fontana di Nettuno: si modificherà inoltre la perimetrazione della zona 30 in Lungomare Marconi, in modo da escluderne il tratto compreso tra il passaggio a livello e l’attraversamento pedonale rialzato realizzato in corrispondenza della fermata del bus del Campo Solare e dei Bagni “Marina Piccola” nel solo periodo compreso tra il 1° ottobre e il 30 aprile, in relazione ai diversi flussi veicolari e pedonali stagionali.

“Pur condividendo il principio generale del Piano Urbano del Traffico, che ha portato risultati positivi nella riduzione degli incidenti stradali con feriti e quindi ha aumentato la sicurezza di automobilisti e pedoni, ho ritenuto di proporre alcune modifiche alla perimetrazione delle aree con limite di velocità di 30km/h dopo aver ascoltato il parere di molti concittadini ed aver constatato personalmente che sui tratti più esterni dei nostri lungomare, sia a levante che a ponente, il limite era decisamente basso e praticamente inapplicato e, quasi, inapplicabile” afferma il consigliere di maggioranza in Consiglio Giovanni Battista Cepollina.

“Considerata la larghezza della strada e l’ampio marciapiede e passeggiata, per quanto riguarda il tratto interessato di Lungomare Madonna del Loreto, ho ritenuto di chiedere di riportare il limite a 50km/h per tutto l’anno, per Lungomare Marconi ho considerato anche la differenza di traffico, pedonale e veicolare, tra i periodi invernali ed estivi proponendo di mantenere il limite di 30 km/h nel primo Maggio a fine Settembre, riportando il limite a 50 km/h nel periodo invernale quando il traffico è limitato ed i parcheggi lungo la via in gran parte inutilizzati”.

“Questa modifica fa seguito a quella da me proposta ed approvata, riguardante i limiti di altezza e pendenza dei passaggi pedonali rialzati, con la deliberazione di Consiglio Comunale n. 50 del 04/10/2012 con la quale è stato modificato il Piano Urbano del Traffico con le seguenti indicazioni tecniche: in Via Aurelia, Via Dei Gazzi e Via Pontassi, strade di maggior scorrimento, gli interventi di realizzazione di pedonali o incroci rialzati devono rispettare – come valore massimo – la pendenza del 6% e l’altezza di 7 cm; su tutte le altre strade si deve rispettare la percentuale massima dell’otto percento per la pendenza delle rampe” aggiunge l’esponente della maggioranza consiliare loanese.

“Questa modifica è stata utile per porre limiti di altezze e pendenze ai passaggi pedonali rialzati in precedenza non previsti dal PUT e non normati dal codice della strada ma, a mio giudizio il proliferare di passaggi pedonali rialzati, seppur con pendenze ed altezze ridotte, sulla Via Aurelia, in particolare modo a Loano ma anche in altri comuni, rappresenta sempre un grave problema per il transito dei mezzi di soccorso”.

“Da volontario ed autista della Croce Rossa Italiana credo di interpretare il pensiero di tutti i colleghi delle pubbliche assistenze nel segnalare che i sobbalzi provocati dai passaggi pedonali rialzati, seppur affrontati ad una velocità ben inferiore ai 30km/h, provocano gravi problemi alle ambulanze in emergenza che transitano sulla Via Aurelia, sia nel dilatare i tempi di intervento quando anche qualche minuto può significare la salvezza o meno di un paziente, sia, soprattutto, nel trasporto in urgenza di persone che hanno subito gravi traumi verso l’ospedale di Santa Corona che è DEA di secondo livello e sede di Trauma Center”.

“Tutte le ambulanze, provenienti dal bacino da Andora a Loano ed entroterra, che trasportano le vittime di incidenti, magari con fratture o lesioni spinali, verso l’ospedale Santa Corona sono costrette a far percorrere una vera e propria “Via Crucis” ai pazienti nell’attraversare Loano con sette passaggi pedonali rialzati più il “famigerato” incrocio rialzato Via Aurelia/Via Trento e Trieste che ha rampe con pendenze fuori norma rispetto a quando previsto. Come già detto, condivido lo spirito generale del P.U.T. di Loano ma credo che questa problematica, che posi già nel 2010 alla presentazione del piano cui partecipai da semplice cittadino, debba essere affrontata”.

“Per far comprendere quali siano i disagi per i pazienti costretti a transitare sui mezzi di soccorso in urgenza mi ripropongo, come suggerito da molti volontari del soccorso, di invitare il sindaco, l’assessore alla Viabilità ed il Comandante della Polizia Municipale a provare a percorrere la Via Aurelia a Loano su una ambulanza, sdraiati sulla barella con la tavola spinale utilizzata nel trasporto dei pazienti vittime di traumi. Capiranno senz’altro il problema e concorderanno con me che, per la Via Aurelia almeno, bisognerà studiare soluzioni alternative per la limitazione della velocità che non siano ostacoli fisici che provocano sobbalzi” conclude Cepollina.

leggi anche
Put Loano: strisce pedonali
Loano: nuovi attraversamenti pedonali rialzati
Loano: ultimati i lavori per gli attraversamenti pedonali rialzati, ma non si placano le polemiche
Giù
Loano, calano gli incidenti stradali. La municipale: “Grazie al Piano del Traffico”
Loano: ultimati i lavori per gli attraversamenti pedonali rialzati, ma non si placano le polemiche
Un altro
Loano, una nuova “zebra” rialzata per via Genova
Giovanni Battista Cepollina Luigi Pignocca Loano
Saluti
Loano 2016, Giovanni Cepollina rinuncia a ricandidarsi: “Ma continuerò a lavorare per la città”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.