Recuperato

La promessa di Burlando: “Il teatro Aycardi di Finale Ligure tornerà a vivere”

Finale Ligure. “Da tempo i finalesi sono abituati a vedere un cantiere, tra pochi mesi finalmente ritroveranno uno spazio importante per le attività culturali”. E’ la promessa del governatore della Liguria Claudio Burlando fatta ai finalesi e non solo, lanciata con un post sul suo profilo Facebook. “Ricavato utilizzando l’Oratorio dei Padri delle Scuole Pie, fin dall’Ottocento ospitò compagnie di prosa e di musica è stato restaurato nel 1936 e le attività proseguirono fino al 1965 – scrive Burlando – Dopo un lungo periodo di abbandono, dagli anni ’90 sono stati realizzati vari interventi di restauro finalizzati alla conservazione e al recupero della struttura”.

Ancora il presidente Burlando: “Il lotto di lavori attualmente in esecuzione porterà alla completa agibilità della struttura. Ora il comune deve pensare alla gestione per un un pieno utilizzo del teatro, in un momento assai difficile per la finanza pubblica. Noi siamo disponibili a lavorarci assieme anche per offrire uno spazio ai tanti gruppi cresciuti con entusiasmo in questi tempi difficili”.

Il Teatro Aycardi è il più antico teatro ligure dell’Ottocento, edificato per iniziativa delle principali famiglie di Finalborgo. E’ una struttura molto raccolta, adatta a spettacoli di respiro contenuto. Poteva contenere circa 250 persone distribuite in una piccola platea, nei 24 palchetti suddivisi in due ordini (12 nel primo e 12 nel secondo) e nel loggione. L’attività artistica fu intensa fino agli ultimi decenni dell’Ottocento quando il Teatro subì la concorrenza del Teatro Sivori di Finalmarina. Nel Novecento iniziò una lenta decadenza fino a quando l’Aycardi fu accomunato al Sivori dalla stessa sorte: dichiarati entrambi inagibili, a distanza di pochi anni l’uno dall’altro, sono attualmente in fase di ristrutturazione, dopo essere stati messi sotto tutela dalla Soprintendenza ai Beni Artistici e Monumentali della Liguria.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.