IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Infortuni sul lavoro, in Liguria calo del 15,2%: diminuzione più marcata nel settore artigiano

Grasso (Confartigianato): "Puntare sulla prevenzione e sviluppare azioni di autocontrollo"

In Liguria diminuisce il numero degli infortuni sul lavoro e proprio l’artigianato risulta il settore più “virtuoso”. Secondo gli ultimi dati Inail elaborati dall’Ufficio Studi Confartigianato, si contano 2.381 infortuni all’anno nel comparto artigiano ligure (una media di 6,5 al giorno), in diminuzione del 15,2% (426 casi in meno).

Nel panorama totale delle imprese della regione (escluse quelle agricole), gli infortuni sfiorano i 19.500 casi annuali, in calo del 9,6% (-2.063). In entrambi i casi, la Liguria registra un andamento migliore rispetto alla media italiana, che conta oltre 68 mila casi nell’artigianato (in diminuzione del 13%) e quasi 537 mila sul totale imprese, di cui 606 mortali, in calo dell’8,3%. Siamo invece in linea con i dati del Nord Ovest: gli infortuni nell’artigianato sono 18.493, con un trend negativo del 15,6%, mentre quelli totali sono poco più di 162.300 all’anno (-8,6%). A livello di macro aree, la più colpita è il Nord Est, con oltre 173 mila casi annuali totali, di cui oltre 23.600 incidenti nel comparto artigiano.

“La diminuzione dei casi di infortunio – spiega Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Liguria – è sicuramente un fatto positivo che indica che il livello di sicurezza è cresciuto con il passare gli anni: per garantire un continuo miglioramento delle condizioni di sicurezza sul lavoro occorre potenziare soprattutto educazione e
prevenzione, prevedere contributi mirati e ulteriore riduzione dei premi assicurativi, applicare regole e procedure semplici e chiare e sostenere azioni di autocontrollo come quelle per il settore delle carrozzerie liguri che hanno prodotto ottimi risultati”.

Tra le regioni che registrano le diminuzioni più significative nel settore artigiano troviamo Valle d’Aosta (-22,4%), Abruzzo (-18,6%) e Sardegna (-17,4%). Trend in calo, ma con un andamento meno marcato, nella Provincia autonoma di Bolzano (-0,6%), in Basilicata (-7%) e in Toscana (-9,3%).

A livello provinciale, Genova, che conta 1.097 casi di infortuni all’anno nelle micro imprese artigiane, registra il trend migliore della nostra regione: -17,7%, pari a 236 casi in meno. Seguono Imperia, con 383 incidenti annuali, in calo del 16,4%, e Savona, con 514 infortuni in diminuzione del 14,6%. La Spezia chiude la classifica provinciale con 387 casi e un calo del 6,5%.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da rapalino

    Il commento precedente riassume la situazione della Liguria………..però si perde tempo a fare queste stupide statistiche per non dire quanta gente è a spasso e soprattutto quanta è “mantenuta” più o meno dai pochi che riescono ancora a lavorare

  2. carpenter
    Scritto da carpenter

    Infortuni sul lavoro, in Liguria calo del 15,2% .
    A mio parere più che un aumento del livello di sicurezza sono diminuiti i LAVORATORI