Cronaca

Furti alla “Anselmo” di Savona: ritirata la querela, nessuna condanna per i dipendenti “infedeli”

caserma cc savona

Savona. Si è chiuso con una remissione di querela ed una sentenza di non luogo procedere il processo a due dipendenti “infedeli” della ditta “Anselmo Srl” di via Quiliano a Savona. A giudizio c’erano un sessantenne albanese, D.B., residente a Savona, e un cinquantenne marocchino, A.M., residente a Carcare, che ad inizio gennaio erano stati arrestati dai carabinieri del Nor che stavano indagando sui furti all’interno della ditta specializzata nella raccolta e nel riciclo di rifiuti speciali.

Secondo quanto veniva contestato, approfittando della loro condizione di dipendenti, i due cittadini stranieri portavano via pezzi di ricambio (come catalizzatori e marmitte) e carburante dai magazzini della Anselmo. Accuse che sono cadute visto che il titolare dell’azienda (tutelato dagli avvocati Massimo Badella e Amedeo Caratti), dopo aver raggiunto un accordo con gli imputati per la forma di risarcimento, ha deciso di rimettere la querela.

I furti nell’azienda di via Quiliano erano iniziati già nel mese di novembre. Nel giro di poche settimane era sparito di tutto: marmitte catalitiche, rame, materiale proveniente dalle demolizioni e gasolio. I titolari della ditta quindi avevano chiesto aiuto ai carabinieri che indagando sui furti avevano identificato i responsabili.

Oltre ai due arrestati i militari avevano denunciato anche un terzo dipendente V.M., 35 anni, di Bormida, che secondo gli investigatori tra novembre e dicembre scorso, come i colleghi, aveva messo a segno diversi furti a danno del suo datore di lavoro. Per lui però non erano scattate le manette perché gli uomini dell’Arma non lo hanno colto in flagranza.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.