IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cinque profughi arrivati in Valbormida, l’emergenza immigrati nel Savonese non si arresta

Più informazioni su

Dego. Sono arrivati questa mattina all’alba e sono stati ospitati al centro Il Percorso di Dego. Sono cinque uomini dichiarati profughi del Pakistan. Segnalati dalla Prefettura e ai carabinieri resteranno qualche giorno in Val Bormida, prima di proseguire il viaggio in Francia ed in altri Paesi del centro e nord Europa per ricongiungersi con altri parenti e amici. A Savona e provincia si ferma per scelta, in media, solo il 20 per cento.

Quella dei profughi è da sempre una situazione complessa e delicata. I Comuni di Savona e di Albisola Superiore con la Caritas diocesana, la Croce Rossa e numerose altre realtà stanno cercando di dare risposte concrete attraverso progetti, attività d’integrazione e alfabetizzazione, oltre ad una serie di iniziative che hanno preso il via nei giorni scorsi dal titolo “Io sto con la sposa”.

“Si tratta di una serie di eventi finalizzati al l’integrazione dei profughi – spiega l’assessore ai Servizi Sociali del Comune di Savona Isabella Sorgini – L’obiettivo è quello di dimostrare quanto la presenza sul territorio degli immigrati non porti via nulla ai Savonesi. Di recente abbiamo anche effettuato alcuni studi che dimostrano come uno straniero guadagni in media il 23 per cento in meno di un suo collega italiano. Non è vero, poi, che l’Italia abbia più immigratoi di altre nazioni: nel 2014 il nostro Paese ne ha accolti circa 35 mila, la Germania 46mila”.

Nel corso del 2014, nel Savonese, la Fondazione e Servizi della Caritas hanno accolto 547 profughi. Ad oggi sono ospiti della struttura 241. Grazie ai progetti messi in atto da viarie realtà hanno frequentato corsi di italiano, alcuni hanno preso la licenza media, altri svolgono work experience, hanno borse lavoro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da granvisir

    Benvenuti, sarebbe bello che per i giorni che queste persone sono ospiti della cuminità di Dego, in cambio del loro mantenimento si rendessero utili ad esempio a spalare un pò di neve dalle via del paese, o per altre attività utili alla comunità. Ma come al solito……….

  2. marty74
    Scritto da marty74

    Profughi dal Pakistan? E che guerra c’è in Pakistan? I presunti profughi che null’altro sono che clandestini, tolgono eccome risorse ai cittadini liguri, solo che servono per ingrassare Caritas&co.