IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“50 sfumature di grigio” troppo hot per Varazze: lettere anonime e film annullato, ma il distributore minaccia sanzioni foto

Più informazioni su

Varazze. Quando a far scalpore è il grigio. Uno dei film più attesi di quest’inverno, “50 Sfumature di Grigio”, è al centro di un vero e proprio “caso” a Varazze da quando i Salesiani, proprietari del cinema locale, inondati da lettere e telefonate di fedeli indignati per l’alto tasso erotico del film, hanno deciso di vietarne la proiezione. Tutto questo scatenando non solo le ire dei fan e di chi in generale mal tollera la censura, ma anche del distributore del film, che ora minaccia sanzioni.

Andiamo con ordine. Il film porta sul grande schermo l’omonimo romanzo di E.L.James, incentrato sul rapporto tra Anastasia Steele e il miliardario Christian Grey: nel libro sono numerose le scene “hot” tra i due, data la passione del protagonista per il sadomaso. Scene descritte minuziosamente nei dettagli, e altrettanto minuziosamente rappresentate in video da Jamie Dornan e Dakota Johnson.

Esattamente come il libro, che ha venduto 5 milioni di copie in Italia e più di 100 milioni in tutto il mondo (è stato tradotto in 51 lingue), anche il film è destinato a far scalpore, grazie alle scene “spinte” che certamente desteranno l’interesse degli spettatori. Peccato che le voci su quelle bende e quei baci proibiti sia arrivata alle orecchie dei proprietari del cinema di Varazze nel modo peggiore: i Salesiani sono stati presi letteralmente d’assalto da lettere, messaggi e telefonate di alcuni varazzini, evidentemente molto devoti e poco inclini a tollerare che un cinema parrocchiale ospitasse scene di bondage e sadomaso.

I Salesiani, una volta scoperti i contenuti della pellicola, inizialmente hanno provato a fare resistenza, restii a esercitare qualsiasi forma di censura sull’operato del cinema; quindi, di fronte alla “mole” di proteste, hanno deciso di annullare la proiezione.

Apriti cielo. A Varazze è scoppiata un’autentica crociata, da parte dei fan di Grey, “contro” il presunto bigottismo di chi ha fatto pressioni. Ma il rischio, per il cinema varazzino, è di dover pagare questa scelta non solo in termini di popolarità, ma anche monetari. In una lettera, infatti, il distributore del film chiede il rispetto del contratto, pena una sanzione che potrebbe rivelarsi ben più dannosa di qualche polemica di troppo.

“Appuriamo il martedì, a 2 giorni dall’uscita di uno dei film più importanti dell’anno, che il film non sarà proiettato a Varazze – scrive il distributore ai gestori – Ricordiamo che l’impegno di programmazione era stato pattuito a novembre 2014 con l’uscita di ‘Hunger Games: Il Canto della Rivolta parte 1’, a cui si aggiungeva il film ‘Un Natale Stupefacente’ e appunto ’50 Sfumature di Grigio’. I contratti hanno valore in tutte le sedi e pertanto Vi invitiamo a rispettarli anche a fronte del bigottismo della proprietà”.

Toni duri, dettati da impegni firmati: “Stiamo parlando di un film che parla di una storia d’amore – insiste il distributore – forte ma non oscena”. Ed in effetti il film è stato vietato ai minori di 14 anni, e non 18 come nel caso dei film classificati come “hot”. Insomma, il cinema varazzino rischia un “danno” ben superiore a quello di immagine che già ha subito nelle ultime 24 ore: e c’è già chi propone ai gestori di proiettare ugualmente il film, in “barba” alle direttive.

Una vera e propria telenovela, tra lettere anonime e telefonate arrivate dall’una e dall’altra parte: non resta che aspettare per scoprire se davvero, a Varazze, Christian Grey non potrà baciare (e legare, e tanto altro… ma questa è un’altra storia) la sua bella Anastasia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pinuccia

    Hai ragione Kevin… sarà per caso un nuovo modo di fare pubblicità? Perchè così ci riescono benissimo!

  2. Kevin Flynn
    Scritto da Kevin Flynn

    non sarebbe stato più semplice non andarlo a vedere? che manica di bigotti e finti benpensanti.