Cronaca

Savona, furti di carburante e pezzi di ricambio alla “Anselmo”: in manette 2 dipendenti “infedeli”

caserma cc savona

Savona. Nelle ultime settimane nella ditta “Anselmo Srl” di via Quiliano a Savona si erano registrati una serie di furti. I responsabili però non erano ladri di professione, ma due dipendenti “infedeli” della stessa azienda che ieri pomeriggio sono finiti in manette.

Si tratta di una sessantenne albanese, D.B., residente a Savona, e di un cinquantenne marocchino, A.M., residente a Carcare. Ad arrestarli sono stati i carabinieri del Nor che stavano indagando sui furti all’interno della ditta specializzata nella raccolta e nel riciclo di rifiuti speciali.

Secondo quanto gli viene contestato, approfittando della loro condizione di dipendenti, i due cittadini stranieri portavano via pezzi di ricambio (come catalizzatori e marmitte) e carburante dai magazzini della Anselmo. Per loro questa mattina è stato celebrato il processo per direttissima. Il giudice ha convalidato l’arresto per entrmbi, ma ha deciso di rimetterli in libertà senza applicare nessuna misura cautelare. Vista la rihciesta di termini a difesa il procedimento è stato rinviato a febbraio.

I militari, dopo aver svolto ulteriori accertamenti, hanno anche denunciato in stato di libertà un terzo dipendente della ditta, V.M., 35 anni, di Bormida, che secondo gli investigatori tra novembre e dicembre scorso, come i colleghi, aveva messo a segno diversi furti a danno del suo datore di lavoro.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.