Calcio, lo speciale Settore Giovanile del ct Vaniglia. Il malessere dei vivai italiani: le azzeccate predizioni del "guru" Vatta - IVG.it
Sport

Calcio, lo speciale Settore Giovanile del ct Vaniglia. Il malessere dei vivai italiani: le azzeccate predizioni del “guru” Vatta

Sergio Vatta

Savona. Sei lustri da Geppetto del pallone, a intagliare campioni. Mestiere e amore. Tanto, davvero. Forse troppo. Sarà per questo che dopo 25 anni di settori giovanili nel Torino, nelle nazionali azzurre e nella Lazio, dal 30 giugno del 2001 un vetrerano come Sergio Vatta era rimasto virtualmente “disoccupato”. Il suo mondo stava diventando sordo a quelli come lui. Idee chiare e parole nette, sul calcio negato al ragazzino Carlo (un caso di cui aveva parlato tutta l’Italia calcistica e non) e a chissà quanti altri. Questa che riportiamo è la maniera con cui mister Vatta, maestro di tecnica e istruttore di vita, analizzava la situazione del calcio giovanile nazionale quasi 15 anni fa dimostrando con quanta lungimiranza preannunciava quanto poi si è andato negativamente ad avverarsi al tempo d’oggi.

Come commenta quanto accaduto a Carletto?

“Casi come quello del portiere della Roma si spiegano solamente così: i ragazzi abbandonano lo sport in generale, ed il calcio in particolare, perché hanno sempre fatto sogni non loro, ma indotti dagli adulti. Altrimenti avrebbero continuato a giocare e divertirsi senza traumi. Adesso invece, quando capiscono di non poter diventare campioni, non riescono ad accettare la realtà. Se non raggiungono quell’obiettivo si sentono falliti. E noi, con i nostri comportamenti, non stiamo che alimentando il sorgere di una fabbrica di sbandati”.

Per lei si tratta di un caso isolato o della punta dell’iceberg?

“Questo non è affatto un episodio isolato, i ragazzi hanno paura di provare e di non farcela. Si servono dello sport solo per diventare famosi, gli hanno insegnato questo, ma lo sport è altro. È gioco. Il fatto è che il mondo dei più piccoli è stato fagocitato da quello degli adulti, cominciano troppo presto a pensare al successo, ma questo non fa parte del loro mondo. Il primo errore è imporre ai bambini idee e traguardi futuri, mentre a loro dovrebbe spettare solo il presente. E poi allegare a questo l’imperativo di traguardi e responsabilità che non ci dovrebbero mai essere. È una vergogna usare i più giovani in questo modo”.

Qual è il peccato originale?

“Banale dirlo, ma alla base di tutto c’è sempre il vile denaro, lo sfruttamento dei ragazzi e il viverci sopra da parte di certe persone. Nei miei tre anni alla Lazio ho visto cose che non si possono raccontare, un’esperienza per certi versi traumatica. A cominciare dall’ansiosa corsa al successo che i genitori inculcano ai figli, mettendo perfino dei premi come una mancia per ogni gol fatto e diventando ostili e astiosi verso tecnici i istruttori. Proprio ora che si sono ristretti gli spazi e le prospettive: la metà dei giocatori di serie A sono stranieri, a quel livello ne arriva uno ogni 40mila. Ma nessuno spiega ai ragazzi che nella vita non si può sempre arrivare primi, e che la mia serie A potrebbe essere anche un campionato dilettantistico. Invece adesso devono essere bravi subito, o niente: vengono scartati. E si trasmette sempre più il concetto del gioco come lavoro, sbagliatissimo. Il calcio non ha ancora capito il rapporto giusto coi bambini, ne sta facendo degli adulti in miniatura. E siccome il bambino è il padre dell’adulto, quando toccherà a loro che genitori saranno, con un esempio del genere?”.

Quali rimedi propone?

“Quelli che hanno talento, i campioni, prima o poi arrivano sempre. Ma non si può inculcare a tutti gli altri una mentalità del tipo: ‘O gioco in serie A, o sfondo nei professionisti, o niente’. È bruttissimo. Il calcio invece è un gioco troppo bello per essere abbandonato così, chi non ha abbastanza doti può sempre far altro. A parte il fatto che si può arrivare lo stesso, usando intelligenza, grinta e sacrificio. Una volta in aereo mi si è avvicinato un giocatore al quale non avevo predetto un gran futuro. ‘Mister, ci sono arrivato anche io in serie A, visto?’. L’abbandono della pratica sportiva nasce dalla nausea e da un modo sbagliato di fare selezione nel nostro Paese: i grandi club pretendono di trovare ragazzi pronti subito, per questo le statistiche dicono che per annate vengono presi più di tutti i nati nel primo trimestre. Nell’immediato magari sono più svegli, ma ci sono fior di campioni scartati dai settori giovanili e scoperti solo dopo. Lo sport è imparare a superare se stessi, verificarti con gli avversari, non promettere facili carriere e soldi. Sì, confesso che ho paura per la piega che da questo di vista ha preso il mondo del calcio”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.