Tirreno Power, inchiesta smaltimento ceneri: il gup deciderà su competenza territoriale - IVG.it
Cronaca

Tirreno Power, inchiesta smaltimento ceneri: il gup deciderà su competenza territoriale

Tirreno Power

Vado L. Il giudice Roberta Bossi si riserva di decidere sull’eccezione di incompetenza territoriale sollevata dai difensori di sette persone e di due società nell’ambito dell’inchiesta della Dda sullo smaltimento delle ceneri della centrale a carbone di Tirreno Power a Vado Ligure. L’udienza davanti al gup è stata quindi rinviata a febbraio.

Il sostituto procuratore Giovanni Arena aveva chiesto per tutti il rinvio a giudizio. L’accusa è quella, a vario titolo, di attività organizzata per il traffico illecito di rifiuti e sversamento di ceneri. Alle due società è contestato solo l’illecito amministrativo.

Nell’udienza di oggi i difensori degli indagati hanno sostenuto che la competenza è di Torino in quanto le ipotesi di reato si sarebbero consumate in provincia di Cuneo dove le ceneri provenienti dalla centrale di Vado Ligure sarebbero state interrate.

Secondo l’accusa sarebbe stata realizzata una discarica non autorizzata in un terreno dove c’era un cantiere e dove sarebbero stati interrati, ai fini di riempimento, oltre 27.000 tonnellate di ceneri leggere prodotte dalla combustione del carbone nello stabilimento Tirreno Power di Vado Ligure.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.