Dall'Enpa gli "sconsigli per gli acquisti" e le regole per un Natale "buono per tutti gli esseri viventi" - IVG.it

Dall’Enpa gli “sconsigli per gli acquisti” e le regole per un Natale “buono per tutti gli esseri viventi”

banchetto enpa

Provincia. Un Natale 2014 pacifico anche verso gli animali è quello proposto dalla Protezione Animali savonese, con un decalogo di “Sconsigli per gli acquisti” ed un menu vegetariano.

Un pressante invito dell’Enpa è quello di non donare con superficialità cani, gatti o altri esseri viventi, perchè molti finiscono per essere abbandonati o rifiutati. “Se si vuole prendere con sé un animale – spiegano – è infatti indispensabile essere consapevoli che dovrà essere coccolato e accudito per tutta la vita; troppo spesso accade che, una volta esaurito l’entusiasmo iniziale per il nuovo amico, esso finisca per essere percepito come un peso e venga quindi trascurato o abbandonato, invece aprire la propria casa a un animale significa essere consapevoli che ha bisogno delle nostre cure per sempre”.

“A chi volesse sperimentare l’amore incondizionato che un animale domestico riesce a dare, l’Enpa raccomanda di privilegiare i canili e le strutture di ricovero – è l’appello – dove molti ‘trovatelli’ attendono una famiglia che li adotti e li riempia di affetto; se proprio non si può fare a meno di volere un soggetto di razza è bene scegliere un allevatore serio ed evitare assolutamente acquisti via internet (diversi savonesi sono stati truffati, pagando anticipatamente per un animale mai arrivato) o da venditori improvvisati, che utilizzano cuccioli malati o maltrattati provenienti dai paesi dell’est, come quelli sequestrati dalla Polizia Stradale dopo un viaggio orribile”.

“La Protezione Animali chiede tassativamente di non acquistare, mai, animali esotici – insiste l’Enpa – cioè sradicati dal proprio ambiente naturale e catapultati nel nostro, del tutto inadatto alle loro caratteristiche etologiche; proprio per questo si tratta di animali molto impegnativi e con difficoltà crescenti a fare fronte alle loro esigenze. Purtroppo in questi anni si registra un incremento di tale fenomeno, che colpisce non solo le vittime dell’abbandono ma anche l’ambiente, dove si può manifestare una situazione competitiva tra specie autoctone e alloctone, con grave danno per entrambe”.

“Per non infliggere dolore e sofferenza ad altri animali, l’Enpa propone un menu di Natale e di Capodanno rigorosamente vegetariano – è la seconda proposta – e sul web sono disponibili siti dedicati, con ricettari a portata di mouse per creare gustosissimi menù, salutari sia per gli animali che per l’uomo”.

“La notte di San Silvestro attenzione ai ‘botti’ di Capodanno – si raccomandano infine dall’Enpa – per noi rappresentano un’occasione di festa ma i nostri amici costituiscono soltanto una pesante fonte di stress e un serio fattore di rischio per la loro vita. Molti uccelli, ad esempio, muoiono perché, terrorizzati dai fuochi d’artificio, fuggono all’impazzata dai loro dormitori andando a sbattere contro i muri o i tralicci dell’alta tensione. Ma la notte di Capodanno tra i ‘sorvegliati speciali’ ci sono anche i pet: in alcuni casi, infatti, il terrore causato dalle esplosioni può essere così forte da rivelarsi fatale, mentre centinaia di cani e gatti scappano dalle loro case per paura dei botti e molti spariscono nel nulla perché finiscono investiti o non riescono a ritrovare la strada di casa. Fortunatamente i Comuni del nostro Paese stanno dimostrando una crescente sensibilità verso tale problema. Al punto che alcune amministrazioni comunali (tra cui: Milano, Bari, Brindisi, Lecco, Asti, La Spezia) hanno emanato provvedimenti restrittivi o di divieto, mentre a Savona assume notevole importanza la campagna anti-botti del Comune di Millesimo”.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.