Capodanno, Albenga ascolta gli animalisti e vara l'ordinanza: niente botti per festeggiare il 2015 - IVG.it

Capodanno, Albenga ascolta gli animalisti e vara l’ordinanza: niente botti per festeggiare il 2015

sequestro fuochi

Mentre gli appelli si susseguono da più parti, Albenga interviene “silenziando” il capodanno 2015. Un’ordinanza appena emanata dal sindaco Giorgio Cangiano ha infatti stabilito il divieto assoluto di far esplodere petardi su tutto il territorio comunale.

Prevenzione e repressione di rumori molestie inutili nonché di comportamenti potenzialmente lesivi della sicurezza urbana: divieto di sparo di fuochi d’artificio, petardi, mortaretti ed artifici esplodenti in genere. “Abbiamo ritenuto – spiega il primo cittadino – di aderire alle numerose richieste delle associazioni a difesa degli animali. Io stesso ho notato in più occasioni come soffrano di fronte alle esplosioni di petardi”.

L’ordinanza è entrata subito in vigore e avrà effetto per tutto il periodo delle festività. “Questo – conclude Cangiano – anche per motivi di sicurezza per le persone. Anche per il periodo successivo i soli fuochi artificiali ammessi saranno quelli autorizzati dal Comune, la cui accensione dovrà essere affidata ai professionisti”.

Dall’ordinanza del sindaco Cangiano sono esclusi gli spettacoli di fuochi d’artificio programmati per festività o eventi particolari, preventivamente autorizzati dalle competenti Autorità.

Sul provvedimento deciso dal Comune prime critiche arrivano dalla minoranza e dal consigliere comunale di Forza Italia Eraldo Ciangherotti: “Sui botti dell’ultimo anno, siamo seri. Le ordinanze di divieto al riguardo sono le più inutili della storia dell’umanità”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.