IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Balneari, Associazione Donnedamare: venerdì presentazione Manifesto per lo sviluppo sostenibile della ricettività marina

Più informazioni su

Venerdi 5 Dicembre 2014 a Roma, nella sede dell’Ateneo Regina Apostolurum di Via degli Aldobrandeschi, si svolgerà un evento patrocinato dal Ministero dell’Ambiente e Legambiente Nazionale: la presentazione del Manifesto per lo sviluppo sostenibile della ricettività marina. Un’idea dell’Associazione Donnedamare per l’impresa balneare, in collaborazione col Cesab, un centro di ricerche interuniversitario in scienze ambientali

L’atto, cui hanno aderito moltissimi stabilimenti liguri, un evento organizzato dal Ministero dell’Ambiente dal titolo “Il Mare: la sostenibilità come motore di sviluppo: Marine Strategy e Blue Growth”, è una lista di avvertenze che vanno dal libero accesso al mare (inteso come transito al mare e lungo la battigia), all’acustica, al rispetto dell’ecosistema, alle politiche di formazione e di comunicazione.

“Il nostro obiettivo – spiegano gli organizzatori – è realizzare un disciplinare che certifichi la sostenibilità degli operatori: un’occasione anche per i turisti di avere certezze sulla qualità del loro soggiorno sulle rive di mari e laghi”.

Al tavolo di presentazione del Manifesto presenzieranno il Prof. Silvio Greco, membro del gruppo di lavoro del Ministero dell’Ambiente sulla strategia marina, Piero Giordano, Presidente Nazionale Adiconsum, Sebastiano Venneri, Responsabile Territorio Legambiente, Angelo Zerilli, Capitano di Vascello, Consulente Amministrativo in materia di demanio marittimo, il Prof. Ercole Amato, Pres. Cesab, Fulvia Frallicciardi, Donnedamare Lazio, Bettina Bolla, Pres. Donnedamare.

Verranno poi presentati tre casi concreti di sostenibilità ambientale: un progetto di riqualificazione ambientale in Campania di aree dismesse (Francesco Ferrigno, presidente UBI), la sostenibilità nei programmi delle reti di Impresa delle Marine del Parco di Viareggio, (Fabrizio Maggiorelli, Vice-Pres. Comitato Salvataggio Imprese e Turismo Italiano) e l’esperienza territoriale dei Lidi del parco di Camerota, che con le imprese balneari ecocostenibili didattiche e verdi ha intrapreso da anni un percorso di sostenibilità ambientale (Raffaele Esposito, Pres. FIBA Cilento CAB).

Con il Manifesto si vuole coinvolgere le realtà territoriali affini, che da anni, anche inconsapevolmente promuovono una gestione dell’ambiente marino ecosostenibile in armonia con la natura, creando una rete virtuale di stabilimenti balneari ecosostenibili, intesi come presidi del territorio, capaci di creare l’identità dei luoghi, attraverso la salvaguardia dell’ambiente costiero, la biodiversità, la condivisione e la diffusione dei saperi, della cultura e delle tradizioni del territorio di appartenenza.

Il passo successivo al Manifesto sarà la creazione di un marchio di qualità che unitamente a quello sulle imprese balneari ecosostenibili connoterà le imprese che adottano buone pratiche e che certamente susciteranno maggiore apprezzamento da parte del turista.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.